Entra in vigore il certificato COVID digitale UE.

A partire da oggi entra in vigore il regolamento sul certificato COVID digitale UE. Ciò significa che ora il certificato COVID digitale potrà essere rilasciato a tutti i cittadini e i residenti dell’UE e verificato in tutta l’Unione. 21 Stati membri, oltre alla Norvegia, all’Islanda e al Liechtenstein, avevano già iniziato a rilasciare certificati prima della scadenza odierna e cinque paesi dell’UE iniziano oggi.

Accogliendo con favore l’entrata in applicazione del certificato COVID digitale UE, per la Presidente Ursula von der Leyen “il certificato COVID digitale europeo è il simbolo di un’Europa aperta e sicura che sta riaprendo con cautela, mettendo la protezione della salute dei nostri cittadini al primo posto. In marzo abbiamo promesso di creare entro le vacanze estive un sistema a livello dell’UE per agevolare la possibilità di viaggiare in maniera libera e sicura nell’UE. Adesso possiamo confermare che il sistema di certificati COVID digitali UE è operativo”.

LEGGI ANCHE:  Ungheria. Progetti di legge contro i diritti LGBTQI+.

La stragrande maggioranza degli Stati membri dell’UE è già collegata al sistema ed è pronta a rilasciare e verificare i certificati. Al momento, ricordano dalla Commissione europea, sono già stati generati oltre 200 milioni di certificati.

Scopo del certificato COVID digitale UE è agevolare la libera e sicura circolazione nell’UE durante la pandemia di COVID-19.

Secondo le nuove disposizioni, gli Stati membri devono astenersi dall’imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di un certificato COVID digitale UE, a meno che esse non siano necessarie e proporzionate per tutelare la salute pubblica.

La Commissione si è inoltre impegnata a mobilitare 100 milioni di euro nell’ambito dello strumento per il sostegno di emergenza per aiutare gli Stati membri a offrire test a prezzi contenuti.

LEGGI ANCHE:  2022. Prosegue il negoziato per l'approvazione della decisione per l'Anno europeo dei giovani.