Emissioni di gas serra dell’economia dell’UE: -5,3% nel secondo trimestre del 2023.

Nel secondo trimestre del 2023, le emissioni di gas serra dell’economia dell’UE sono state pari a 821 milioni di tonnellate di CO 2 equivalenti (CO 2 -eq) , in calo del -5,3% rispetto allo stesso trimestre del 2022 (867 milioni di tonnellate di CO 2 -eq). . Nello stesso periodo, il prodotto interno lordo (PIL) dell’UE è rimasto stabile registrando solo una variazione molto contenuta (+0,05% nel secondo trimestre del 2023, rispetto allo stesso trimestre del 2022). 

Nel secondo trimestre del 2023, rileva l’Eurostat, i settori economici responsabili della maggior parte delle emissioni di gas serra erano “manifatturiero” (23,5%), “famiglie” (17,9%), “elettricità, fornitura di gas” (15,5%), “agricoltura” (14,3% ), seguito da “trasporto e magazzinaggio” (12,8%). 

LEGGI ANCHE:  Pnrr, il Governo chiede la quinta rata, Meloni: "Risultati straordinari".

Rispetto al secondo trimestre del 2022, le emissioni sono diminuite in 6 settori economici su 9. Il calo maggiore si è registrato nel settore ‘forniture di energia elettrica e gas’ (-22,0%). Il settore principale in cui le emissioni sono aumentate è stato quello dei “trasporti e stoccaggio” (+1,7%).

Nel secondo trimestre del 2023, le emissioni di gas serra sono diminuite in 21 paesi dell’UE, rispetto al secondo trimestre del 2022. Sono stati registrati aumenti a Malta (+7,7%), Lettonia (+4,5%), Irlanda (+3,6%), Lituania (+3,0%), Cipro (+1,7%) e Croazia (+1,0%). Tra questi sei membri dell’UE, quattro hanno registrato un aumento del PIL: Malta (+3,9%), Croazia (+2,6%), Cipro (+2,2%) e Lituania (+0,7%). Le maggiori riduzioni dei gas serra sono state registrate in Bulgaria (-23,7%), Estonia (-23,1%) e Paesi Bassi (-10,3%).

LEGGI ANCHE:  Le tutele per le persone affette da malattie rare nell'Unione Europea.

Dei 21 membri dell’UE che hanno ridotto le proprie emissioni, 10 hanno registrato un calo del PIL (Estonia, Ungheria, Lussemburgo, Svezia, Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Finlandia, Germania e Paesi Bassi). L’Italia ha mantenuto il suo PIL allo stesso livello del secondo trimestre del 2022 e ha ridotto le sue emissioni di gas serra. Dieci paesi dell’UE (Danimarca, Francia, Belgio, Slovenia, Slovacchia, Bulgaria, Portogallo, Spagna, Romania e Grecia) sono riusciti a ridurre le emissioni aumentando al contempo il proprio PIL. 

foto JamesQube da Pixabay.com