Dispersione scolastica: 2 milioni per il sistema duale.

“La Regione Calabria ha destinato quasi 2 milioni di euro di risorse attinte dal Pnrr e dal Ministero del Lavoro, per attivare percorsi formativi rivolti sia ai giovani soggetti all’obbligo di istruzione, sia ai giovani dai 17 ai 25 anni che hanno interrotto il circuito formativo, approvando l’Avviso Pubblico n.2 per la presentazione dell’Offerta Formativa Sistema duale da finanziare con le risorse della Missione 5, Componente 1, Investimento 1.4.”

È quanto comunica Giusi Princi, vicepresidente con delega all’istruzione, nell’annunciare l’approvazione con Ddg n. 12501 del 6/9/2023 e quindi la pubblicazione dell’avviso volto alla formazione professionale duale, indirizzato agli Enti di formazione accreditati dalla Regione Calabria, per il finanziamento di Percorsi di IeFPin modalità duale.

LEGGI ANCHE:  Rigenerazione urbana, Peru e Oppi: "361 comuni sardi su 377 esclusi dai fondi".

“L’obiettivo primario di questa azione – spiega Princi – è quello di prevenire e contrastare i fenomeni di abbandono e dispersione scolastica. L’avviso, infatti, è destinato a finanziare, nello specifico, percorsi di Istruzione e Formazione Professionale in modalità duale per il conseguimento di una qualifica professionale di terzo livello Eqf o di un diploma professionale di quarto livello Eqf. Si tratta di percorsi formativi, destinati ai giovani di età dai 14 ai 25 anni, che alternano la formazione in aula all’apprendimento nei contesti di lavoro. Uno strumento utile all’acquisizione delle competenze per un’occupazione qualificata e rispondente alle richieste del mercato del lavoro”.

“D’intesa con il presidente Roberto Occhiuto, la nostra intenzione, infatti, è di promuovere l’occupabilità dei giovani e l’acquisizione di competenze direttamente rilevanti per il mercato del lavoro – evidenzia la vicepresidente – riducendo il divario tra le competenze richieste dalle imprese e quelle fornite dai programmi formativi. Si interverrà rafforzando il modello duale, ovvero il sistema che integra la formazione ordinaria svolta presso l’ente formativo, con periodi di applicazione pratica da realizzare presso imprese partner del territorio”.

LEGGI ANCHE:  Giovani, online la consultazione del CNEL su Europa e Pnrr.

“Si tratta – afferma infine Giusi Princi – di percorsi formativi sempre più professionalizzanti e qualificanti, pianificati per rispondere alle esigenze delle imprese e del tessuto produttivo locale, al fine di agevolare, in modo mirato, le transizioni dei giovani verso il mercato del lavoro. Per il proficuo lavoro profuso per questo avviso, ringrazio il Direttore generale del Dipartimento Istruzione Formazione e Pari Opportunità, Maria Francesca Gatto, e il Dirigente di settore, Menotti Lucchetta”.

foto Regione Calabria