Diritti per i lavoratori delle piattaforme: intesa per migliorarne le condizioni di lavoro.

Il Consiglio e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio su una proposta di direttiva per migliorare le condizioni di lavoro dei lavoratori tramite piattaforma. Nel caso in cui l’accordo raggiunto oggi venga confermato da entrambe le istituzioni prima di passare attraverso la procedura formale di adozione, aiuterà milioni di loro ad accedere ai diritti del lavoro.

La direttiva introduce due miglioramenti chiave: aiuta a determinare il corretto status occupazionale delle persone che lavorano per le piattaforme digitali e stabilisce le prime norme UE sull’uso di sistemi di algoritmi sul posto di lavoro.

L’accordo odierno rappresenta un enorme passo avanti per i lavoratori dei lavori gig nell’UE. Una volta confermata dal Consiglio e dal Parlamento, fornirà una migliore protezione generale per i lavoratori delle piattaforme. In particolare, contribuirà a garantire che i lavoratori che sono stati erroneamente classificati come lavoratori autonomi abbiano un accesso più facile ai loro diritti come dipendenti ai sensi del diritto dell’UE.Yolanda Díaz, Vicepresidente spagnola e Ministra del Lavoro e dell’Economia Sociale.

LEGGI ANCHE:  Agricoltura: proiezioni positive confermate per l'agricoltura dell'UE.

Attualmente, la maggior parte dei 28 milioni di lavoratori che lavorano su piattaforme digitali nell’UE, tra cui tassisti, lavoratori domestici e fattorini che consegnano cibo, sono formalmente lavoratori autonomi . Tuttavia, alcuni di loro devono rispettare molte delle stesse regole e restrizioni di un lavoratore dipendente. Ciò indica che hanno effettivamente un rapporto di lavoro e dovrebbero quindi godere dei diritti del lavoro garantiti ai dipendenti dalla legislazione nazionale e dell’UE.

L’accordo provvisorio raggiunto oggi con il Parlamento affronta questi casi di errata classificazione e facilita la riclassificazione di tali lavoratori come dipendenti. Secondo l’accordo, i lavoratori saranno legalmente considerati dipendenti di una piattaforma digitale (e non lavoratori autonomi) se il loro rapporto con la piattaforma soddisfa almeno due dei cinque indicatori stabiliti dalla direttiva: limiti massimi sulla quantità di denaro che i lavoratori possono ricevere; monitoraggio del loro svolgimento , anche con mezzi elettronici; controllo sulla distribuzione o assegnazione dei compiti; controllo sulle condizioni di lavoro e restrizioni sulla scelta dell’orario di lavoro; restrizioni alla libertà di organizzare il lavoro e norme sul loro aspetto o comportamento.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili: a Palazzo Ducale in visita giovani da 5 Paesi europei.

Secondo il testo concordato, gli Stati membri possono aggiungere ulteriori indicatori a questo elenco come questione di diritto nazionale.

Nei casi in cui si applica la presunzione legale, spetterà alla piattaforma digitale dimostrare che non esiste alcun rapporto di lavoro secondo la legislazione e la prassi nazionale.

Le piattaforme di lavoro digitali utilizzano regolarmente algoritmi per la gestione delle risorse umane . Di conseguenza, i lavoratori delle piattaforme si trovano spesso ad affrontare una mancanza di trasparenza su come vengono prese le decisioni e su come vengono utilizzati i dati personali.

L’accordo raggiunto con il Parlamento garantisce che i lavoratori siano informati sull’uso di sistemi automatizzati di monitoraggio e processo decisionale. Impedisce inoltre alle piattaforme di lavoro digitali di trattare determinati tipi di dati personali mediante sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati. Tali dati includeranno quelli personali sullo stato emotivo o psicologico dei lavoratori della piattaforma, dati relativi a conversazioni private, dati utilizzati per dedurre l’origine razziale o etnica, lo stato migratorio, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o lo stato di salute di un lavoratore, dati biometrici, diversi dai dati utilizzati per l’autenticazione

LEGGI ANCHE:  Occupazione e disabilità, Alessandra Zedda: "Inserimento delle persone più fragili è la sfida del futuro".

Secondo le nuove norme, questi sistemi devono essere monitorati da personale qualificato , che gode di una protezione speciale dai trattamenti avversi. Il controllo umano è garantito anche per decisioni importanti come la sospensione dei conti.

L’accordo provvisorio dovrà ora essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento. Verrà poi adottato formalmente da entrambe le istituzioni previa revisione giuridico-linguistica. Una volta completate le fasi formali dell’adozione, gli Stati membri avranno due anni per recepire le disposizioni della direttiva nella loro legislazione nazionale.

I ministri dell’Occupazione e degli affari sociali hanno concordato l’orientamento generale del Consiglio nella riunione del 12 giugno 2023. I negoziati con il Parlamento europeo sono iniziati l’11 luglio 2023 e si concludono con l’accordo odierno.

Foto di tanya nova da Pixabay.com