Dinamo: prestazione ‘gigante’.

La Dinamo espugna la Segafredo Arena nell’anticipo della 10° giornata di campionato. Starting five biancoblu con Spissu, Bilan, Kruslin, Burnell e Bendzius, mentre per la Virtus Bologna coach Djordjevic schiera dal primo minuto Tessitori, Markovic, Ricci, Adams e Weems.

Avvio contratto di entrambe le squadre che non segnano per i primi 2’. I padroni di casa si caricano di falli con Markovic e Tessitori. Dopo lo 0/2 da tre la Dinamo trova la bomba di Bendzius per il sorpasso: i giganti allungano con il lituano in lunetta. La bomba di Spissu dice 6-13 e coach Djordjevic chiama minuto. Bendzius e Bilan incrementano il break isolano mentre Pajola prova a bloccare l’emorragia. Dopo 8 minuti coach Djordjevic viene espulso per proteste. La Dinamo è on fire e scappa via, lay up di Gentile e la quarta bomba di Bendzius che chiudono il primo quarto 12-27. Il lituano apre anche la seconda frazione con una tripla: reazione bolognese con Hunter e Teodosic. Una bomba clamorosa di Miro Bilan ritocca il massimo vantaggio per il 22-40, anche Kruslin dopo lo 0/2 punisce dai 6.75 e scrive il 22-43. La tripla di Spissu allunga per il Banco, break in chiusura di quarto per la Virtus che, con il canestro allo scadere di Weems, si riporta sul -8 alla seconda sirena (38-46).

LEGGI ANCHE:  BCL amara per i 'giganti'. Il Bamberg elimina la Dinamo di Pozzecco.

Il secondo tempo si apre con il canestro di Weems, che aveva chiuso il precedente quarto da fuori, il Banco però riordina le idee e costruisce un 10-0 che dà respiro ai sassaresi. Apre le danze Miro Bilan con 4 punti di fila, Spissu punisce dai 6.75 e Bendzius infila la sesta tripla personale. Bologna però si accende con Markovic e Abass e scrive un nuovo 7-0 e riporta il vantaggio sotto la doppia cifra con Hunter (49-58). La Viruts allunga il break di 14-2 e la tripla di Markovic dice -4. Bendzius non sbaglia dalla lunetta, al 30’ il tabellone dice 54-60. Nell’ultimo quarto i giganti provano a contenere l’offensiva bianconera, Bilan apre le danze ma la Virtus segna con continuità von Hunter e Pajola.

LEGGI ANCHE:  Spezia 'salvato' dal VAR.

Primi punti in maglia Dinamo per Toni Katica, che firma il 58-64: Weems punisce la difesa sassarese dall’arco e la schiacciata di Weems dice -1 (63-64). Timeout Dinamo. Bilan monetizza l’ottavo fallo subito e Katice in arresto e tiro dalla media sigla il +5 (63-68) con poco più di 4’ da giocare. È Toni Katic l’uomo degli ultimi minuti: il giocatore croato firma 6 degli 8 punti in fila del Banco per il 63-72. Due triple della Virtus tengono a contatto i padroni di casa, anche Burnell punisce con tripla dall’angolo per il nuovo +9. Negli ultimi novanta secondi la Dinamo gestisce il vantaggio, Bologna manda ripetutamente in lunetta i giganti che non tremano: con una calma glaciale Spissu e Kruslin fanno 5/6 e mettono in cassaforte la vittoria. Il Banco espugna la Segafredo Arena 78-83.

LEGGI ANCHE:  Bucchi in biancoblu fino al 2025.

Virtus Bologna – Dinamo Banco di Sardegna 78-83.

Parziali: 12-27; 26-19; 16-14; 24-22.

Progressivi: 12-27;38-46; 54-60; 78-83.

Virtus Bologna. Tessitori 5, Belinelli, Pajola 8, Alibegovic, Markovic 15, Ricci 5, Adams 6, Hunter 11, Weems 14, Teodosic 11, Gamble, Abass 3, All. Sasha Djordjevic.

Assist: Pajola 6 – Rimbalzi: Hunter 8.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 19, Bilan 12, Treier,  Kruslin 8, Devecchi , Katic 8, Re, Burnell 7, Bendzius 22, Gandini, Gentile 2, Tillman 4. All. Pozzecco.

Assist:   Spissu 6 – Rimbalzi: Bilan 10.

Foto Niccolò Caranti commons wikipedia