Crisi energetica, von der Leyen: “Proporremo un limite al gas russo”.

“Siamo di fronte a una situazione straordinaria, perché la Russia sta manipolando i nostri mercati energetici”. Questo il commento odierno della Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, sulla crisi energetica dell’UE. Una sfida per la quale soltanto l’unione e la collaborazione tra Stati membri permetterà di limitare i danni nel breve periodo.

“La nostra unità e la nostra solidarietà garantiranno che prevarremo! Abbiamo aumentato la nostra preparazione e indebolito la presa della Russia sulla nostra fornitura di energia attraverso la riduzione della domanda, che ha consentito ai nostri depositi comuni di raggiungere l’82%. Attraverso la diversificazione – prosegue la von der Leyen – abbiamo aumentato le consegne di GNL o gasdotti da Stati Uniti, Norvegia, Algeria, Azerbaigian e altri. Ad esempio, la Norvegia sta fornendo più gas all’UE rispetto alla Russia. E stiamo facendo enormi investimenti nelle energie rinnovabili autoctone attraverso RePowerEU”.

LEGGI ANCHE:  'Salta' la stabilità del patto di stabilità

“Ma – ha aggiunto – ci troviamo di fronte a prezzi astronomici dell’elettricità per famiglie e aziende e ad un’enorme volatilità del mercato. Pertanto, proporremo una serie di misure immediate che proteggeranno i consumatori e le imprese vulnerabili e li aiuteranno ad adattarsi”.

Si va quindi verso la riduzione del consumo di elettricità nelle ore di punta, un tetto ai ricavi delle aziende che producono elettricità a basso costo, un contributo di solidarietà alle aziende di combustibili fossili, liquidità per le aziende di servizi energetici e un tetto al gas russo per tagliare le entrate di Putin. 

“Innanzitutto, è cambiato l’approvvigionamento energetico globale. Ciò richiede una riduzione intelligente della domanda. Serve una strategia per appiattire i picchi che guidano il prezzo dell’elettricità.  Proporremo – ha dichiarato la presidente – un obiettivo obbligatorio per la riduzione del consumo di elettricità nelle ore di punta. E lavoreremo a stretto contatto con gli Stati membri per raggiungere questo obiettivo”.

LEGGI ANCHE:  Von der Leyen a Palermo: "I giovani ucraini condividono gli stessi desideri".

“In secondo luogo, proporremo un tetto ai ricavi delle aziende che producono elettricità a basso costo. Le fonti di energia a basse emissioni di carbonio stanno realizzando entrate inaspettate, che non riflettono i loro costi di produzione. È giunto il momento per i consumatori di beneficiare dei bassi costi delle fonti di energia a basse emissioni di carbonio, come le rinnovabili. Quindi proporremo di reincanalare questi profitti inaspettati per supportare le persone vulnerabili e le aziende ad adattarsi”.

“In terzo luogo, proporremo quindi un contributo di solidarietà per le aziende di combustibili fossili e gli Stati membri dovrebbero investire queste entrate per sostenere le famiglie vulnerabili e investire in fonti energetiche pulite di produzione propria”.

LEGGI ANCHE:  Proiezione pubblica del discorso sullo stato dell'Unione di Ursula von der Leyen.

“Inoltre, le società di servizi energetici devono essere supportate per far fronte alla volatilità dei mercati che minaccia la loro capacità di negoziare e la stabilità dei mercati futuri. In questo modo aiuteremo a facilitare il sostegno alla liquidità da parte degli Stati membri per le società energetiche”.

“Infine – conclude von der Leyen – proporremo un limite al gas russo. Dobbiamo tagliare le entrate della Russia che Putin usa per finanziare questa atroce guerra contro l’Ucraina. Il nostro lavoro sta dando i suoi frutti! All’inizio della guerra, il gasdotto russo era il 40% di tutto il gas importato. Oggi è solo il 9% delle nostre importazioni di gas”.

foto Christophe Licoppe, European Union, 2022 Copyright Source: EC – Audiovisual Service