Coronavirus, al via la distribuzione dei buoni spesa.

I Comuni di Cagliari e Sassari danno il via alla distribuzione dei buoni spesa. A Sassari dalle 9:30 del mattino inizieranno le operazioni. I richiedenti che hanno dichiarato di rientrare nella priorità di assegnazione (mancanza di qualsiasi forma di sostegno pubblico) dovranno individuare, grazie allo stradario pubblicato sul sito del Comune di Sassari , la parrocchia o sede incaricata della consegna dei buoni in base all’indirizzo dichiarato nella domanda e presentarsi direttamente per il ritiro buoni spesa. Si inizierà con la distribuzione alle persone con le iniziali del cognome che vanno dalla A alla E. La consegna avverrà anche grazie alla collaborazione della Caritas.

Per chi percepisce sostegni economici pubblici, la prossima settimana sarà diffuso un altro comunicato nel quale saranno indicate le modalità di sostegno attivabili, secondo le risorse disponibili.

A Cagliari i buoni spesa saranno accreditati sulla tessera sanitaria. L’amministrazione comunale erogherà i buoni spesa previsti dall’Ordinanza n. 658 del 29 marzo 2020 del capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, attraverso l’accreditamento sulla tessera sanitaria.

Il buono sarà erogato tramite accreditamento di una somma sulla tessera sanitaria che potrà essere usata come una vera e propria carta di credito. Si tratta di un sistema innovativo e sperimentale, attivato in condizioni di emergenza, ma che è apparso all’amministrazione uno dei pochi in grado di scongiurare assembramenti per la distribuzione di buoni cartacei o nuove tessere ricaricabili, ma anche di garantire la tracciabilità delle risorse pubbliche erogate, la loro destinazione all’acquisto di beni alimentari e di prima necessità e la loro non cedibilità, trasparenza e rispetto della privacy delle persone che ricevono il buono.

A seguito dell’istruttoria della domanda presentata tramite piattaforma on-line l’amministrazione provvederà a quantificare l’importo da erogare ai singoli nuclei familiari. La somma riconosciuta al nucleo familiare, anche formata da una sola persona, sarà accreditata sulla tessera sanitaria del soggetto che ha presentato la domanda. 

La comunicazione di accreditamento verrà effettuata tramite un sms che sarà trasmesso al numero di cellulare indicato nella domanda. Sarà possibile effettuare la spesa con la tessera sanitaria solo dopo aver ricevuto l’sms di erogazione del credito. Con i soldi del buono potranno essere acquistati esclusivamente generi alimentari e di prima necessità.

LEGGI ANCHE:  Coronavirus e Solidarietà europea, Kyriakides: "Facilitata la cooperazione transfrontaliera".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.