Commissione Cultura, approvato il programma delle attività del Corecom Sardegna.

La Seconda commissione del Consiglio regionale della Sardegna, ha approvato all’unanimità il programma delle attività del Corecom per l’anno 2023, con uno stanziamento previsto di 265mila euro. L’approvazione è arrivata dopo l’audizione del presidente del Corecom Sardegna, Sergio Nuvoli, che ha illustrato le attività del Comitato, auspicando una rapida approvazione da parte del Consiglio regionale per avere le risorse disponibili e programmare gli interventi.

Tra le richieste di Nuvoli anche l’incremento dell’organico all’interno del Corecom.

Il Comitato, come ricordato dal Presidente, si occuperà del monitoraggio del sistema dell’informazione in Sardegna con l’aggiornamento del volume sul “Sistema dell’Informazione in Sardegna”, ma anche dell’attuazione della legge sul cyberbullismo, approvata dal Consiglio regionale, del progetto Media Education e della vigilanza sulla par condicio nel periodo delle campagne elettorali.

LEGGI ANCHE:  Planargia. 480 le dosi somministrate.

Tra i progetti del 2023, anche, il Premio dedicato alla memoria del giornalista Gianni Massa che, per quest’anno, riguarderà il tema “L’insularità nelle costituzioni”.

“Una importante attività che il Comitato intende realizzare è la compartecipazione, già deliberata nell’anno precedente, alle spese sostenute dall’Università degli Studi di Sassari per l’attivazione del Master Universitario di I livello in “Educazione ai media, alfabetizzazione digitale e orientamento alla complessità”, ha affermato Nuvoli. “Il contributo del Corecom Sardegna consentirà di abbattere le spese di iscrizione per quanti e quante sceglieranno di frequentarlo. Con il Master, il Corecom Sardegna, in coerenza con le proprie finalità istituzionali, – ha continuato – si propone come alleato di quanti, anche a livello locale, svolgono attività volte ad una più capillare media education. In questo modo si darà così compiuta attuazione alla delega di funzioni dell’Agcom relativa alla media education, anche con il supporto finanziario – di cui si è già discusso nell’anno precedente – all’iniziativa realizzata da una rete di scuole di cui è capofila il Liceo Castelvì di Sassari, e di cui si dirà più oltre. Allo stesso modo il Comitato si adopererà per continuare a svolgere, in modo sempre più efficiente e puntuale, le altre funzioni delegate dall’Agcom, il tutto nell’ottica di una rinnovata e rafforzata collaborazione alla luce della recente delibera Corecom n. 54/2021 concernente la Convenzione per l’esercizio delle funzioni delegate tra Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Consiglio regionale della Sardegna e Comitato regionale per le comunicazioni della Regione Autonoma della Sardegna, di cui si attende il rinnovo affinché alcune iniziative e relative spese possano essere operative. L’auspicio per il 2023 è che il Comitato possa essere pienamente operativo e possa far conoscere agli utenti le sue attività”. Nuvoli ha anche proposto l’attivazione di una campagna di comunicazione integrata e sviluppata su vari media che punti a far conoscere il Comitato, con particolare riferimento alle attività, delegate dall’Agcom, riguardanti le conciliazioni e le definizioni, che soltanto nel 2021 hanno riguardato circa 1800 pratiche e tra le 1500 e le 1800 nel 2022. Un’attività importante, ha spiegato il presidente del Comitato, ancora troppo poco conosciuta dagli utenti”.

LEGGI ANCHE:  Sostenibilità e transizione socio-ecologica. Le Cattedre Unesco incontrano i ministri dell'Istruzione e dell'Università.