Cagliari, TaRi: Il Comune promette tagli per imprese e famiglie.

Nuove tariffazione TaRi e risparmi per famiglie e attività commerciali. Si muove su queste due direttrici l’intervento al bilancio da oltre 2 milioni di euro messo in campo dall’Amministrazione comunale per contrastare gli aumenti previsti da ARERA, l’Autorità di regolazione per l’Energia Reti e Ambiente, e quelli dovuti alle minori entrate per i tre mesi di lockdown imposti dal Governo e che colpiscono in modo particolare i nuclei familiari più numerosi e con le case più piccole.

“Per far ciò – ha spiegato il sindaco Truzzu ai cronisti chiamati a raccolta a Palazzo Bacaredda – siamo intervenuti creando un sistema di compensazioni che parte da sconti che vanno dal 5 al 33 per cento. Così facendo la TaRi diminuirà per le utenze non domestiche e per la quasi totalità delle utenza domestiche”.

LEGGI ANCHE:  Il Covid-19 non ferma la celebrazione di Sant'Efisio.

Il provvedimento, che sarà discusso dal Consiglio comunale la prossima settimana, è stato reso possibile grazie all’aumento della raccolta differenziata, passata dal 50 per cento nel 2019, al 72 per cento nel 2020, alla lotta all’evasione con l’individuazione di circa 15mila nuovi contribuenti e l’impiego di risorse comunali (680mila euro di bilancio, 1,4 milioni di euro di avanzo).

In pratica “per le utenze non domestiche – ha spiegato il primo cittadino – la TaRi verrà ridotta per tutti, da un minimo di 0,36 euro per autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta, sino a un massimo di 3,65 euro a metro quadrato per la categoria ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio. Per il 99,6 per cento di utenze domestiche la tassa diminuirà o resterà invariata, mentre la restante parte (0,4 per cento) subirà un lieve aumento, da 0,13 euro a 24,91 euro a metro quadrato (l’aumento massimo interesserà però solo 58 casi)”.

LEGGI ANCHE:  Capitale verde europea 2023: Cagliari tra le città in lizza.

Secondo le previsioni del Comune, con le misure e le risorse stanziate, una famiglia mono componente con una casa di 90 metri quadrati andrà a risparmiare circa 20 euro rispetto all’anno scorso. I nuclei familiare di due persone con una casa di 40 metri quadrati risparmierà invece quasi 10 euro, a fronte di un aumento che secondo le disposizioni governative si sarebbe aggirato attorno alle 41 euro. E ancora, una famiglia di tre persone con una casa di 55 metri quadrati e che avrebbe pagato 43,79 euro in più rispetto all’anno scorso, risparmierà circa 8 euro.