Cagliari. Parternariato pubblico-privato per la mobilità sostenibile

Giulini, Porrà, Truzzu, MereuPresentato “Tutti allo stadio in bus” , l’iniziativa realizzata dal parternariato pubblico-privato costituito dal Comune di Cagliari, Cagliari Calcio, Ctm, Arst e Tour Baire. 

Con “Tutti allo stadio in bus” quest’anno chiunque vorrà assistere alle partite casalinghe del Cagliari, potrà farlo arrivando alla Sardegna Arena su un autobus di linea, equipaggiato per l’occasione con una livrea elegante e inconfondibile. Duplice l’obiettivo: promuovere la mobilità sostenibile e fornire ai tifosi di tutta la Sardegna, da Cagliari a Sassari, passando per Oristano, Nuoro, Sanluri e Capoterra, una valida alternativa all’auto.

Sostenuto dal Comune e nato dalla collaborazione con il Cagliari Calcio, Ctm, Arst e Tour Baire, il progetto è frutto della “alleanza pubblico-privato”. Un “lavoro di squadra che va a vantaggio dei cittadini e dell’ambiente”, ha sottolineato il sindaco Paolo Truzzu. “Oltre a decongestionare il traffico e ridurre le spese, potrà contribuire ad abbassare i livelli di anidride carbonica nell’aria”. Maggiore anche la sicurezza stradale.

LEGGI ANCHE:  Bonus trasporti, in sei mesi distribuiti quasi 109 milioni di euro.

A rimarcare la valenza di “Tutti allo stadio in bus” anche l’assessore delle Politiche per la mobilità, Alessio Mereu. “Le tematiche legate alla mobilità sostenibile – ha spiegato con lo sguardo rivolto allo sviluppo futuro del territorio – sono centrali nell’agenda politica dell’Amministrazione comunale. E quest’iniziativa, oltre a benefici ambientali, saprà veicolare, nel migliore dei modi, comportamenti virtuosi ”.

Tommaso GiuliniPer il presidente del Cagliari Calcio, Tommaso Giulini, “Oltre alla sostenibilità, i pilastri portanti di “Tutti allo stadio in bus”, si possono individuare nella tecnologia e nella sardità”. Tutti elementi cui “si regge anche il progetto di quella che sarà la nuova casa del Cagliari” e che nelle prossime settimane tornerà a Palazzo Bacaredda per completare l’iter di approvazione.

LEGGI ANCHE:  Elezioni regionali 2024, sorpasso della Todde (45,5%). Truzzu al 45,1%.

Questa mattina, alla conferenza stampa di lancio dell’iniziativa, c’erano anche Chicco Porcu amministratore delegato Arst, Matteo Baire, della Tour Baire, e Roberto Porrà, presidente Ctm Spa, che hanno spiegato con dovizia di particolari il nuovo servizio che andrà avanti sino alla fine del campionato calcistico 2019-2020.

Bus CTMIn particolare Tour Baire partirà da Capoterra un’ora e mezza prima di ogni partita. Il biglietto sarà acquistabile a bordo al prezzo di 3,8 euro (andata e ritorno). Due invece i bus Arst: uno da Sassari, e l’altro da Nuoro; in questo caso i biglietti saranno acquistabili soltanto attraverso la piattaforma web al prezzo di 18 euro da Sassari e Nuoro e di 13 da Oristano e Sanluri.

LEGGI ANCHE:  Migrazioni internazionali: un emigrato su cinque ha meno di 20 anni. 40mila i giovani italiani tra i 25 e i 34 anni espatriati nel 2020.

Per ciò che concerne invece la Città Capoluogo, Ctm ha predisposto una nuova tratta da piazza Matteotti allo Stadio (lato Tribuna Centrale del vecchio Sant’Elia) con fermate intermedie in piazza Dei Centomila e in viale Diaz, davanti ai parcheggi di interscambio. I biglietti potranno essere acquistati nei distributori automatici di piazza Matteotti, a terra sia all’andata che al ritorno senza costi aggiuntivi. Ma anche a bordo con una maggiorazione di 0,50 euro. “il nuovo servizio – ha assicurato Porrà – partirà già da domenica 20 ottobre 2019 per la partita casalinga del Cagliari”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.