Cagliari. Il gruppo Costim partner del nuovo stadio.

Il Cagliari Calcio ha ufficializzato l’accordo con il gruppo Costim, in qualità di partner industriale e soggetto costruttore, per la prosecuzione degli adempimenti per la costruzione del nuovo stadio. Il coinvolgimento di Costim, fanno sapere dal Club rossoblù, consentirà di “rafforzare ulteriormente l’iniziativa nei suoi fondamentali tecnici ed industriali”, rappresentando “un passaggio chiave nel più ampio sviluppo del progetto, sia sotto il profilo strategico che operativo”.

Una partnership che vedrà il gruppo Costim lavorare a stretto contatto con la società Cagliari Calcio e Sportium, partecipando alla gara pubblica internazionale che dovrà essere indetta dal Comune di Cagliari per l’affidamento dell’intervento. Il Cagliari Calcio confida, nel rispetto della tempistica prevista dalle procedure amministrative in corso, che i lavori possano essere avviati nel 2022 e completati nei successivi 24 mesi.

LEGGI ANCHE:  Monumenti Aperti torna a Oristano con 57 siti culturali.

Il viaggio rossoblù verso la nuova casa , ora, assume un’accelerazione positiva e decisiva, sostenuta anche dalle attività per la puntuale definizione del modello di finanziamento dell’opera per le quali l’Istituto per il Credito Sportivo segue con attenzione da tempo l’iniziativa e sta già collaborando con il Cagliari Calcio. Il Club è orgoglioso che con questo accordo il futuro si avvicini, attraverso un percorso caratterizzato anche da un sistematico e costruttivo confronto istituzionale, caratterizzato dalla condivisione di strumenti e obiettivi con Regione Sardegna e Comune di Cagliari, che sta consentendo la realizzazione di un’opera ambiziosa, affascinante e fortemente identitaria, simbolo e orgoglio della Sardegna e del suo Popolo, contribuendo anche allo sviluppo generale del sistema calcio in Italia grazie ai capisaldi dell’innovazione e della sostenibilità ad ampio spettro.

LEGGI ANCHE:  Dinamo: rinviata la gara contro l'Aquila Basket Trento per alcuni casi di positività al Covid-19.