Bullismo, De Maio “1600 ragazzi coinvolti e 1,5 milioni di finanziamenti”

Domenico De Maio84 progetti realizzati, 1600 ragazzi coinvolti e 1,5 milioni di euro di finanziamenti messi in campo dall’Agenzia Nazionale per i Giovani. Questi i numeri messi in campo dall’Agenzia guidata dal Direttore, Domenico De Maio, per contrastare il fenomeno del bullismo tra i giovani del nostro Paese.

“Bullismo e cyberbullismo – per Domenico De Maio – continuano ad essere purtroppo emergenze sociali molto forti ma è positivo riscontrare che i giovani siano i primi ad occuparsene. I numeri parlano chiaro. Tra il 2018 e il 2019, infatti, l’Agenzia ha finanziato 84 progetti su questi temi con un impegno di 1 milione e 438mila euro, in cui sono coinvolti 1606 tra ragazze e ragazzi, 231 dei quali provenienti da contesti svantaggiati e con minori opportunità. Grazie ad una delle giovani proposte come Marco Sentieri con il brano ‘Billy Blu’, l’argomento è tornato di grande attualità anche al Festival di Sanremo. Proprio durante la kermesse canora verrà presentato sul tema il cortometraggio in realtà virtuale che abbiamo patrocinato dal titolo ‘La Stanza’ con Michele Placido e diretto da Giuseppe Alessio Nuzzo”.

LEGGI ANCHE:  Associazionismo giovanile e informazione. Un rapporto travagliato.

Il Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Giovani ha poi comunicato alcuni dettagli sulle buone pratiche realizzate nel territorio nazionale a contrasto del fenomeno: “Tra i progetti finanziati c’è quello dell’Associazione Leonardo di Salerno con l’obiettivo di sviluppare il tema della cittadinanza digitale, da un lato offrendo strumenti nell’ambito della prevenzione dei comportamenti a rischio, da un altro fornendo agli youth workers una formazione che possa garantire occupabilità e capacità di mentoring nei confronti della componente giovanile che si rivolge alle loro organizzazioni. A Sinagra, in Sicilia, si segnala il progetto ‘Narciso’ per dare ai giovani partecipanti la possibilità di utilizzare la fotografia sulla rete in modo alternativo all’attività del selfie rappresentando il proprio corpo in forma artistica, senza demonizzare i linguaggi multimediali ma offrendo valide e stimolanti alternative al loro utilizzo. Ad Acquasporta, in Umbria, è stato finanziato un progetto che fornirà ai giovani i principali strumenti conoscitivi e tecnici per garantire una navigazione in internet consapevole, sia sul personal computer che su smartphone, con particolare riguardo al fenomeno della privacy in relazione ai social network e alle community”.

LEGGI ANCHE:  Virginie Joron: "Dove sono finiti i 4,6 miliardi di vacini Covid-19?".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.