Agricoltura, diminuiscono le prospettive per i giovani agricoltori.

Diminuiscono le aziende agricole e si fanno sempre meno rosee le prospettive per i giovani (o aspiranti) agricoltori tra instabilità e calo dei prezzi alla produzione. Un quadro decisamente cupo ricordato dalle principali statistiche degli enti di ricerca europei, nazionali e dai report delle associazioni di categoria, evidenziato a Bruxelles dall’eurodeputato dei Verdi/ALE, Thomas Waitz, per il quale una struttura produttiva stabile è essenziale per rafforzare l’indipendenza della produzione alimentare e del sistema agricolo dell’UE.

Struttura, però, “diventata meno stabile”, come mostra lo studio della Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale “Il futuro del modello agricolo europeo” – realizzato dal Parlamento europeo, Direzione generale delle Politiche interne, Dipartimento B – Politiche strutturali e di coesione, 28 febbraio 2022 -.

LEGGI ANCHE:  Festival letterari: approvati i contributi regionali.

Report che ha rimarcato il drastico calo di aziende agricole nell’UE: “Il motivo – scrive Waitz – è il prezzo molto basso che gli agricoltori ricevono dall’industria di trasformazione, che rende impossibile coprire i costi di produzione agricola. Ciò costringe i produttori ad abbandonare le loro aziende e impedisce alle giovani generazioni di entrare nel settore”. Un segmento anagrafico che sta abbandonando l’attività agricola. Il numero di aziende agricole nell’UE-27 è, infatti, diminuito da 15 a 10 milioni (-32%) tra il 2003 e il 2016 ed entro il 2040, l’UE potrebbe perdere altri 6,4 milioni di aziende agricole, lasciando circa 3,9 milioni di aziende agricole in tutta l’UE, con un drastico calo del 62% rispetto ai dati del 2016.

LEGGI ANCHE:  La produttività del lavoro agricolo dell’UE è diminuita del 7% nel 2023.

“Inoltre – prosegue -, il modo in cui si è sviluppato il sistema agricolo dell’UE ha portato a una dipendenza dai mangimi importati, il che è negativo anche in termini di sovranità alimentare dell’UE”.

Per una produzione europea più indipendente, quindi, sarebbero necessarie aziende agricole e strutture produttive stabili, sostenute da valide riforme da parte della Commissione europea per fermare la perdita di aziende agricole e migliorare le prospettive per le giovani generazioni, promuovendo così l’indipendenza del sistema agricolo.

A sostegno dell’azione della Commissione europea il commissario Wojciechowski ha esordito dichiarando che “il settore agricolo dovrà prepararsi ai cambiamenti” e che “per farlo deve avere chiare le sue prospettive economiche a lungo termine”. Insomma, non guardate all’inerzia e alla mancanza di visione delle istituzioni.

LEGGI ANCHE:  Aou Sassari. Formalizzata l'apertura del cantiere per il nuovo Day hospital oncologico.

“Sia le misure specifiche COVID che gli strumenti di sostegno al reddito hanno permesso di ammortizzare la volatilità dei mercati agricoli. I piani strategici della PAC – ha dichiarato l’esponente della Commissione von der Leyen – una volta approvati, faranno chiarezza sul sostegno dell’UE alla sostenibilità economica. Ciò aiuterà gli agricoltori a pianificare il loro futuro”.

Le esigenze dei giovani agricoltori, invece secondo il commissario polacco, richiedono “un approccio differenziato”, reso possibile dalla nuova PAC 2023-2027. Quali siano questi elementi, però, non è dato saperlo.

foto europarl.europa.eu