Assistenza finanziaria: altri 1,5 miliardi di euro per l’Ucraina.

Oggi la Commissione ha versato 1,5 miliardi di euro  nell’ambito del pacchetto di assistenza macrofinanziaria + per l’Ucraina, per un valore fino a 18 miliardi di euro. Con il pagamento odierno, solo quest’anno, l’Ucraina ha ricevuto finora 16,5 miliardi di euro nel quadro dell’assistenza macrofinanziaria +. 

Questo sostegno aiuterà l’Ucraina a continuare a pagare salari e pensioni e a mantenere in funzione i servizi pubblici essenziali, come ospedali, scuole e alloggi per le persone trasferite. Permetterà inoltre all’Ucraina di garantire la stabilità macroeconomica e di ripristinare le infrastrutture critiche distrutte nel corso del conflitto con la Russia.

Pagamento erogato dopo la constatazione da parte della Commissione (ci si sarebbe sorpresi del contrario!) dello scorso 18 ottobre, secondo la quale l’Ucraina ha continuato a compiere “progressi soddisfacenti verso l’attuazione delle condizioni politiche concordate e ha rispettato gli obblighi di rendicontazione”. L’Ucraina, sempre secondo la Commissione, ha compiuto importanti progressi nel rafforzare la stabilità finanziaria con la graduale eliminazione della tassazione temporanea di emergenza, nonché nel rafforzare lo Stato di diritto.

LEGGI ANCHE:  Paradisi fiscali: lista nera UE 'confusa e inefficace'. Deluse le aspettative dei cittadini per oltre 140 miliardi di euro.

“Il pagamento odierno di 1,5 miliardi di euro porta la nostra assistenza macrofinanziaria totale all’Ucraina dall’inizio dell’anno a 16,5 miliardi di euro. Nel mezzo della guerra – spiega la presidente Ursula von der Leyen – questo aiuto finanziario da parte dell’Europa si è dimostrato determinante per la stabilità economica dell’Ucraina e per la continuità dei suoi servizi pubblici essenziali. Il nostro sostegno complessivo all’Ucraina ammonta attualmente a quasi 85 miliardi di euro, compreso l’equipaggiamento militare. E continueremo a sostenere l’Ucraina, con la nostra proposta di ulteriori 50 miliardi di euro di sostegno per gli anni successivi, fino al 2027”.

foto Christophe Licoppe, European Union, 2022 Copyright Source: EC – Audiovisual Service

LEGGI ANCHE:  l prezzo della carne è cresciuto del 3,3% in un anno.