Artigianato, agricoltura e turismo. Audizioni in Commissione ‘Attività produttive’.

La crisi dell’artigianato artistico, le nuove disposizioni sul turismo itinerante, l’approvvigionamento idrico per l’agricoltura. Su questi argomenti si è concentrata oggi la seduta della Quinta Commissione del Consiglio regionale.

Per i rappresentanti dell’associazione Artimanos, sodalizio che mette insieme trenta imprese artigiane della Sardegna, “la situazione dell’artigianato artistico è drammatica – ha detto Gianluca Mureddu, in rappresentanza della rete dei Centri commerciali naturali – da oltre un anno le nostre imprese sono ferme a causa della pandemia. le misure adottate finora si sono rivelate insufficienti. Se muore il nostro settore si perde un pezzo importante dell’identità sarda”. Per questo, secondo Artimanos, è necessario intervenire subito con un aiuto finanziario alle imprese: “Gli artigiani non hanno ricevuto alcun ristoro per il mancato reddito e chiediamo che nella prossima legge di assestamento di bilancio si tenga conto di questa incongruenza. Senza un sostegno, i nostri laboratori saranno costretti a chiudere i battenti”.

Commissione Attività produttive

Un rilancio del settore che necessita non solo di ristori ma anche di interventi normativi: “Da tempo chiediamo l’istituzione di un Albo regionale dell’artigianato artistico presso le Camere di Commercio – ha affermato il segretario di Artimanos Gianluca Coni – il sistema dei codici Ateco va rivisto. Sarebbe opportuno inoltre pensare a una Consulta dell’artigianato tipico da coinvolgere ogni qualvolta si discuta di una misura per il comparto”.

LEGGI ANCHE:  Giunta, approvato assestamento di bilancio da 80 milioni

Da Artimanos, infine, la richiesta di una struttura dedicata all’artigianato artistico da istituire presso l’assessorato regionale al Turismo: “Da quando è stata chiusa l’Isola, operazione per altro condivisibile, il settore è allo sbando – ha detto la vicepresidente di Artimanos Wilda Scanu – i nostri laboratori rappresentano una forte attrattiva per il turismo di qualità. Se non ci fossero gli artigiani cosa andrebbero a cercare i turisti in molti paesi della Sardegna?”.

Al termine dell’audizione, i membri della Commissione hanno preso l’impegno di reperire adeguate risorse per i ristori in sede di assestamento di bilancio.  

Audizioni in commissione Attività produttive

La commissione  ha poi proseguito l’esame delle tre proposte di legge in materia di turismo itinerante concludendo il ciclo di audizioni inaugurato la scorsa settimana con l’Associazione di promozione sociale “Camperisti Torres”.

Il presidente dell’associazione Rosario Musmeci ha espresso apprezzamento per l’iniziativa consiliare: “Si tratta di tre proposte complementari che colgono l’esigenza di un intervento normativo per il settore. L’auspicio è che si arrivi a un testo definitivo. A nostro avviso il provvedimento andrebbe ampliato: non può limitarsi alla individuazione dei requisiti minimi per la realizzazione di aree di sosta attrezzate per gli autocaravan ma dovrebbe disciplinare organicamente un segmento turistico in costante espansione. Il turismo itinerante è in forte crescita in tutto il mondo e la Sardegna rappresenta una meta privilegiata per le sue peculiarità ambientali, storiche e culturali”.

LEGGI ANCHE:  Consiglio. Via libera alle procedure a tempo determinato per gli ex dipendenti Aras.

“Nel biennio 2018-2019 – prosegue Musmeci – hanno circolato nella nostra Isola circa 80mila autocaravan, in gran parte provenienti dal Nord Europa. Nel 2020, a causa della pandemia Covid 19, il flusso ha subito una riduzione del 30%. Sono comunque numeri importanti che garantiscono presenze nel territorio nei mesi di spalla. A questo segmento turistico occorre dare servizi adeguati dato che in Sardegna esistono poche aree di sosta e spesso la manutenzione lascia a desiderare. Chiediamo che si avvii una seria programmazione regionale con interventi infrastrutturali, aree di servizio connesse ai servizi di trasporto pubblico locale in prossimità di luoghi di interesse turistico o itinerari culturali, ambientali e paesaggistici. Serve, infine, una adeguata attività di carattere promozionale con pacchetti specifici da inserire nell’ambito della offerta complessiva regionale”.

LEGGI ANCHE:  Artigianato tipico della Sardegna: ecco il nuovo marchio "Isola".

La Commissione ha successivamente sentito il sindaco di Tula, Gesuino Satta, che ha portato all’attenzione dell’organismo consiliare la situazione di grave disagio in cui si trovano numerose aziende agropastorali del suo comune a causa della scarsa disponibilità di risorse idriche da destinare all’irrigazione dei campi: “Nel 1995 l’assessorato regionale dell’Agricoltura finanziò il progetto per la costruzione di un impianto di pompaggio delle acque del Lago Coghinas. A oggi sono stati realizzati solo alcuni interventi e il Comune non ha i soldi per portare a termine i lavori. Per completare l’opera servirebbe circa un milione di euro”.

La stazione di pompaggio dal Coghinas andrebbe a garantire l’approvvigionamento idrico di diverse aziende agricole e l’abbattimento dei costi di esercizio: “Oggi i campi vengono irrigati con acqua potabile – ha sottolineato il sindaco di Tula – gli agricoltori pagano bollette salate per mandare avanti le loro aziende”.