Amianto, Solinas M5S: “Scaricabarile da parte della giunta sardo-leghista”

Dopo il botta e risposta andato in scena nei giorni scorsi, in merito alle risorse per le bonifiche dell’amianto negli edifici pubblici, che ha visto protagonisti il consigliere pentastellato Alessandro Solinas e l’assessore alla Difesa dell’Ambiente Gianni Lampis, l’esponente grillino è tornato sulla vicenda, lanciando una piccata replica all’esponente dell’Esecutivo regionale: “L’assessore Lampis ha messo in atto ancora una volta la pratica dello scaricabarile a cui la giunta sardo-leghista è solita ricorrere ogni qual volta viene messa davanti alle proprie responsabilità. L’assessore all’Ambiente, pur di avere un briciolo di ragione in una vicenda dove difficilmente gliene si potrebbe attribuire, arriva addirittura a definire ‘inutile’ l’intervento di bonifica degli edifici pubblici in cui è presente dell’amianto, attribuendo la causa delle sue inadempienze ad una mancata precisazione da parte del Governo riguardo le azioni rendicontabili con i fondi stanziati. Una scusa senza ragion d’essere visto che il medesimo provvedimento non ha impedito ad altre regioni di procedere con l’utilizzo degli stessi fondi per le operazioni di bonifica”.

LEGGI ANCHE:  Palestre, M5S: "Riapertura finita nel dimenticatoio".

“Prendiamo atto – conclude Alessandro Solinas – dell’immobilismo dell’assessore e della connotazione politica che ha voluto dare alla vicenda, cercando di mettere in cattiva luce un Governo che ha stanziato 35 milioni di euro per le bonifiche dall’amianto. In ogni caso, dal momento che non ci siamo mai tirati indietro davanti alle nostre responsabilità, ci faremo certamente carico come sempre di favorire qualsiasi interlocuzione con il governo che si renda necessaria al fine di portare avanti ogni azione utile per migliorare la vita dei sardi. Con l’auspicio che l’assessore Lampis, tralasciando la polemica politica, mostri la medesima disponibilità e celerità nel risolvere la vicenda quanto prima”.

LEGGI ANCHE:  Carbosulcis, Pili: "Un tavolo permanente per il suo rilancio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.