America’s Cup. Si chiude in parità la prima giornata di regate.

Una regata per team. Così si potrebbe riassumere l’esito del primo match tra Luna Rossa Prada Pirelli Team ed Emirates Team New Zealand nel day 1 della 36^Americas’ Cup presented by PRADA. Due prove disputate sul campo di regata E, tra la costa e l’isola di Waiheke, con vento da Nord di 13-18 nodi di intensità.

Prima regata partita regolarmente alle 16.15 con il team neozelandese che è entrato sul lato sinistro del campo e Luna Rossa dalla parte destra. Allo scadere dei due minuti la barca italiana si è trovata sulla linea di partenza mure a dritta sottovento ai neozelandesi che si sono subito messi in controllo.

America's Cup, Luna Rossa ed EMirates Team New Zealand
America’s Cup, Luna Rossa ed EMirates Team New Zealand

Nel corso dei successivi lati il vantaggio di Emirates Team New Zealand si è mantenuto sempre non oltre i 300 metri, tranne nell’ultimo lato di poppa dove i kiwi hanno incrementato il loro distacco chiudendo la regata 31 secondi avanti.

LEGGI ANCHE:  Dinamo. David Logan torna in biancoblu.

La seconda prova è stata condotta fin dall’inizio da Luna Rossa, che ha vinto la partenza e si è portata subito in copertura, guadagnando metri sui tutti e sei lati e difendendo la destra del campo, più favorita. Negli ultimi due lati i neozelandesi  sono riusciti a recuperare, grazie a una separazione nel quarto gate, che ha fatto riprendere qualche secondo ai kiwi, sia nel quinto gate che sulla linea di arrivo, attraversata solo 8 secondi dopo Luna Rossa.

Nicholas Brezzi, Luna Rossa Prada Pirelli Team

Luna Rossa, contro ogni pronostico alla vigilia, si porta a casa il primo punto della serie, nonché la prima vittoria del team in un match di America’s Cup.

Dopo la pausa di domani, le regate riprenderanno venerdì sempre alle 16.15 con altre due prove in programma.

LEGGI ANCHE:  Cagliari in crisi. Poker dell'Udinese all'Unipol Domus.
Pietro Sibello, Luna Rossa Prada Pirelli Team

Raggiante per il risultato delle prima giornata di regate è lo skipper e team director di Luna Rossa Max Sirena: “E’ stata una giornata importante e interessante perché c’era molta aspettativa da parte di entrambi i team e molta curiosità nel capire quali fossero le differenze tra le performance delle due barche. Abbiamo regatato in un range di vento, dai 13 ai 18 nodi, che è molto più favorevole alla loro configurazione, quindi aver visto che regatando bene possiamo batterli è una buona notizia per noi e ci dà ancora più confidenza. Sicuramente abbiamo fatto degli errori, che domani analizzeremo con attenzione, ma la giornata si chiude in maniera positiva e ci dà molto carica”.

LEGGI ANCHE:  Terza giornata di regate. Luna Rossa si porta sul 5-1.
Max Sirena, Skipper Luna Rossa Prada Pirelli Team

L’America’s Cup è il trofeo più antico trofeo della storia dello sport. Rappresenta la massima competizione velica, da sempre giocata sul doppio livello sportivo e tecnologico. Si disputa dal 1851, quando la goletta statunitense America vinse la Coppa delle Cento Ghinee, battendo la flotta britannica in una regata intorno all’Isola di Wight. L’ultima edizione, la 35esima, disputata nel 2017 ha visto prevalere il catamarano dello sfidante Emirates Team New Zealand contro il defender Oracle Team USA.

America’s Cup, Peter Burling (Emirates Team New Zealand) e Max Sirena (Luna Rossa Prada Pirelli Team).

foto Luna Rossa Prada Pirelli