Agroalimentare. Firmato il disciplinare per il centro specializzato ILAB FOOD.

Inserito tra gli interventi della Programmazione territoriale, ILAB FOOD, il progetto del Comune di Oristano, punta alla realizzazione di un centro di competenza specializzato nel settore agroindustriale, per favorire la sperimentazione produttiva, commerciale e distributiva, coinvolgendo le imprese del sistema agroalimentare regionale.

Il progetto, finanziato nell’ambito del POR FESR Sardegna 2014–2020, Asse Prioritario I “Ricerca scientifica, sviluppo tecnologico e innovazione”, sorgerà nell’ex mattatoio comunale della zona industriale, dove saranno resi disponibili ambienti con funzioni informative, laboratoriali, per far vivere esperienze non esclusivamente di rilievo turistico, ma soprattutto legate allo sviluppo della competitività delle attività produttive connesse al cibo, in particolare quelle legate alla trasformazione delle produzioni ittiche e agroalimentari.

LEGGI ANCHE:  Il ministero della Salute chiarisce la definizione di paziente guarito

“Oristano è il luogo ideale per sviluppare l’Ilab Food – spiega il Sindaco Lutzu – Lo è per la vocazione di un territorio dove il comparto agroalimentare riveste particolare importanza per la presenza di realtà economiche a elevata dinamicità nel comparto lattiero caseario, vaccino e ovino, vitivinicolo, nella produzione e lavorazione del riso, nella lavorazione e trasformazione dei prodotti orticoli. Altro comparto strategico è quello della pesca: oltre al prodotto fresco, un’elevata importanza nella produzione ittica delle lagune dell’area è rappresentata dai prodotti trasformati, quali bottarga, merca e pesce affumicato, ottenuti dalla lavorazione dei muggini”.

“C’è una presenza di segmenti agroindustriali fortemente specializzati e supportati dall’attività economica di un intero distretto – prosegue il Sindaco Lutzu -. Non possiamo dimenticare la filiera enologica che gode di un forte legame con la didattica e la ricerca universitaria grazie al Consorzio UNO che propone percorsi formativi specialistici sulle tecnologie Alimentari; la viticoltura ed enologia e la qualità e sicurezza dei prodotti alimentari”.

LEGGI ANCHE:  'Missing', anche in Sardegna troppi giovani adescati e scomparsi.

Dopo l’ILAB di Oristano, come confermato dalla rete promotrice del progetto, seguirà la costituzione di una rete regionale degli ILAB, il cui “hub” avrà sede presso la Manifattura Tabacchi di Cagliari.