Gavino Mariotti e il nuovo Rettore dell’Università di Sassari.

Con 366 voti, Gavino Mariotti è il nuovo Rettore dell’Università di Sassari e il primo ad essere eletto per via telematica. Dietro di lui Gian Paolo Demuro con 188 voti e Luca Deidda (125).

Anche al secondo turno l’affluenza è stata elevata: ha votato il 92,39 per cento degli studenti (85 su 92); l’89,48 per cento del personale tecnico-ammnistrativo e bibliotecario (451 su 504); il 98,37 per cento dei docenti (603 su 613). In tutto sono state depositate nell’urna 1139 schede.

Gavino Mariotti è Professore ordinario di Geografia economico-politica all’Università di Sassari dal 2010. Ha svolto indagini mirate sul territorio in relazione al turismo in un’ottica di recupero e valorizzazione delle aree interne della Sardegna, nonché agli aspetti cartografici connessi al turismo. In tempi recenti l’attività di ricerca si è incentrata sull’analisi della competitività territoriale. Dal 2015 è responsabile del laboratorio “Ambiente e Territorio – Data Analysis” del Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali (Università degli Studi di Sassari). Dal 2020 è membro del comitato scientifico della collana Route – Geografia dei trasporti e del turismo (TAB Edizioni).

Gavino Mariotti
Gavino Mariotti

Ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione e del Senato accademico dell’Università di Sassari a più riprese. Dal ’96 al 2002 ha ricoperto l’incarico di Consigliere d’amministrazione dell’ E.R.S.U., Ente Regionale per il diritto allo Studio Universitario di Sassari, eletto dal Consiglio Regionale della Sardegna. Dal 2012 al 2016, ancora, è stato direttore del Dipartimento di Scienze umanistiche e sociali.

LEGGI ANCHE:  FNOPI: "Infermieri tra i più colpiti dagli atti di violenza".

I risultati sono stati comunicati in diretta web streaming sul sito di Uniss dal presidente della Commissione elettorale, Andrea Montella. Presente al momento della comunicazione lo stesso Rettore eletto, professor Gavino Mariotti, che ha commentato: “E’ un momento particolare di forte emozione. Grazie a tutte le persone che hanno collaborato a queste due giornate intense. Ringrazio chi mi ha sostenuto. Lavorerò nell’interesse dell’ateneo e per portare la serenità tra queste mura”.