Accordo Serbia-Kosovo, Borrell: “Soluzione che dimostra responsabilità”.

Pristina e Belgrado hanno siglato l’accordo sulla libertà di movimento tra i due Paesi dopo le recenti tensioni al confine tra i due Paesi dei Balcani, nate per la volontà del Governo kosovaro di imporre dal primo di agosto alla popolazione serba – maggioritaria nel nord del Kosovo – documenti di identità emessi dalle autorità kosovare e la sostituzione delle targhe automobilistiche serbe con quelle nazionali.

Per effetto dell’accordo i serbi del Kosovo, così come tutti gli altri cittadini, potranno viaggiare liberamente tra il Kosovo e la Serbia utilizzando le attuali carte d’identità.

La ricomposizione delle relazioni diplomatiche è stata commentata positivamente dall’Alto rappresentante dell’UE, Josep Borrell: “Sono felice di annunciare il raggiungimento dell’accordo sulla libertà di movimento tra il presidente della Serbia Aleksandar Vučić e il primo ministro del Kosovo Albin Kurti, giunto al termine della riunione della scorsa settimana a Bruxelles e degli intensi sforzi dei due Paesi. Questa intesa è nell’interesse di tutti i cittadini del Kosovo e della Serbia. Vorrei ringraziare entrambi i leader per averlo realizzato, in particolare il presidente Vučić, che ha mostrato responsabilità e leadership”.

LEGGI ANCHE:  Tornano gli ErasmusDays.

“Ma – ha evidenziato Borrell – ci sono ancora alcuni problemi in sospeso e mi aspetto che entrambi i leader continuino a mostrare pragmatismo e costruttività per risolvere il problema sulle targhe. Con le sfide che noi europei stiamo affrontando, l’Europa non ha bisogno di ulteriori tensioni. Abbiamo bisogno di soluzioni nei Balcani occidentali”.

foto https://eeas.europa.eu/l