4 mln per taxi e NCC.

Approvato lo stanziamento di 4 milioni di euro gli operatori del trasporto pubblico locale non di linea, ovvero taxi e NCC. Una notizia confermata dalla Giunta regionale che, nel corso dell’ultima seduta odierna, ha acceso il ‘semaforo verde’ per l’indennità una tantum finalizzata a compensare in parte il mancato reddito causato dall’emergenza sanitaria.

La misura, confermano dalla Giunta regionale, sarà limitata ai soli titolari di licenza taxi e di noleggio con conducente, sia che si tratti di lavoratori autonomi e sia che si tratti di titolari di partita IVA, nella misura di 4mila euro per ciascun beneficiario.

Soggetti attuatori del programma di aiuti saranno le Camere di Commercio.

LEGGI ANCHE:  Cassa integrazione ordinaria e in deroga. Chi, come e quando?

“Andiamo incontro al comparto del trasporto privato che da febbraio a oggi, a fronte di uno stop generalizzato della mobilità delle persone, ha dovuto comunque sostenere i costi per assicurare i servizi di pubblica utilità, generando una situazione complicatissima che sta minando alle fondamenta un settore importantissimo per l’economia della Sardegna perché strettamente legato all’industria del turismo – spiega l’Assessore Fasolino – Lo stop agli spostamenti ha infatti determinato un profondo stato di crisi nel turismo, negli eventi aziendali e congressuali, nelle mostre alle scuole e in tutte le attività che implichino uno spostamento delle persone all’interno del territorio nazionale con effetti evidenti su chi garantisce quelli spostamenti sotto forma di trasporto”.

LEGGI ANCHE:  21 aziende sarde a Lisbona fra i big mondiali della tecnologia.

foto Threecharlie