Women TechEU, la Commissione seleziona 50 imprese femminili.

La Commissione europea ha annunciato i risultati del primo invito nell’ambito del nuovo programma pilota Women TechEU a sostegno delle start-up guidate da donne. L’invito è finanziato nell’ambito del programma di lavoro sugli ecosistemi europei dell’innovazione di Orizzonte Europa, il programma di ricerca e innovazione dell’UE.

Alle 50 imprese selezionate, situate in 15 Paesi UE, saranno garantite opportunità di finanziamento e tutoraggio: circa 75mila euro per sostenere le fasi iniziali del processo di innovazione e servizi di coaching nell’ambito del programma “Women Leadership” del Consiglio europeo per l’innovazione (CEI).

Le imprese vincitrici, spiegano dalla Commissione, hanno sviluppato innovazioni nel settore della salute, della sostenibilità ambientale, dell’istruzione e sociale.

I progetti inizieranno nella primavera del 2022 e dovrebbero avere una durata compresa tra 6 e 12 mesi.

LEGGI ANCHE:  Viva Technology. Al via le manifestazioni d'interesse per le start-up sarde.

A seguito dell’ottima risposta a questo primo progetto pilota, la Commissione rinnoverà il programma Women TechEU nel 2022. Il bilancio per il prossimo invito sarà aumentato a 10 milioni di euro e finanzierà circa 130 imprese (contro le 50 di quest’anno). L’invito sarà pubblicato nel 2022.

Le tecnologie estremamente avanzate rappresentano oltre un quarto dell’ecosistema europeo delle start-up e il valore complessivo di queste imprese europee si aggira intorno ai 700 miliardi di euro. Tuttavia le donne continuano a essere ampiamente sottorappresentate nel settore dell’Innovazione. Scarsità di opportunità e stigmatizzazione sono tra le cause più impattanti. Le donne che operano nel settore delle tecnologie avanzate si trovano spesso ad affrontare l’ulteriore ostacolo rappresentato dai pregiudizi e dagli stereotipi di genere, particolarmente diffusi nel settore.

LEGGI ANCHE:  Disabilità, Giantantonio Da Re: "Condannare sterilizzazione delle persone disabili".

Per ogni donna che non ha l’opportunità di avviare e guidare un’impresa tecnologica, l’Europa perde non solo talento e diversità, ma anche opportunità di crescita economica.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata