Walter Zenga: “Abbiamo grande qualità”.

“A seconda di come si mettono le cose in una partita si cercano le soluzioni”. Una regola di vita per Walter Zenga, che, pur nutrendo grande rispetto per l’Atalanta di Gasperini, non è apparso per nulla intimorito durante la conferenza stampa di oggi. Un segnale, come confermano i risultati delle ultime 3 gare, di ritrovata fiducia tra le fila dei rossoblù: “Sono orgoglioso dei miei ragazzi e ho fiducia in loro. Potrei citare diversi episodi della gara di Bologna, giocatori che si sono sacrificati in ruoli inediti o hanno dato la loro disponibilità a giocare malgrado non stessero bene fisicamente, come Radja, Ceppitelli, Pisacane e Mattiello. Abbiamo grande qualità: un centrocampo come il nostro credo l’abbiano in pochi; Simeone e Joao Pedro sono prolifici come poche altre coppie nella storia del Cagliari”.

LEGGI ANCHE:  Scuola Futura, il campus itinerante del Ministero arriva a Cagliari.

Sicurezza nella squadra ma anche rispetto per l’avversario: una delle squadre più prolifiche del campionato che, come rimarcato più volte nel corso della conferenza stampa da Zenga ha “una mentalità vincente, capace di portare l’Atalanta a superare i propri limiti”. Una squadra che per il mister dei sardi: “Non ha mai cambiato la propria filosofia, nemmeno dopo l’inizio negativo del girone di Champions. Una società con professionisti seri che proverà a imporre la propria filosofia in campo”.

“Io – ha proseguito Zenga – vedo sempre ogni partita come un’opportunità. Domani affrontiamo una squadra eccezionale guidata da un bravissimo allenatore, ma scenderemo in campo per vincere. Come sempre. Altrimenti inutile anche giocare. Vogliamo fare la nostra partita, sappiamo quello che dobbiamo fare. Siamo ottimisti, sereni. Nei momenti di difficoltà dobbiamo fare ricorso al senso di appartenenza, pensiamo positivo. Sfruttiamo ogni caratteristica degli elementi della rosa”.

LEGGI ANCHE:  Maran: “Serviranno rabbia e personalità".

Un periodo positivo per il Cagliari, anche sul fronte del settore giovanile, con un Carboni sempre più presenza fissa nell’11 titolare: “In tempi non sospetti ho detto che Carboni mi piaceva per applicazione e personalità, chiaro che va dato un occhio di riguardo al settore giovanile: se hai dei ragazzi bravi, devono giocare. Carboni ha trovato spazio anche per le indisponibilità di alcuni difensori ma si è fatto trovare pronto e io nelle mie scelte non mi faccio condizionare dall’età del giocatore”.

Dopo l’ultimo allenamento della giornata sono stati convocati 23 giocatori. Tornano a disposizione Ragnar Klavan e Sebastian Walukiewicz. Fuori lo squalificato Luca Pellegrini e gli infortunati Christian Oliva e Luca Ceppitelli. Assente per motivi personali Gaston Pereiro.

LEGGI ANCHE:  Roberto Mancini ha rassegnato le dimissioni da CT della Nazionale.

I convocati contro l’Atalanta: Rafael, Mattiello, Nainggolan, Rog, Cigarini, Paloschi, Joao Pedro, Birsa, Klavan, Boccia, Nandez, Pisacane, Ionita, Lykogiannis, Faragò, Ragatzu, Cragno, Ciocci, Ladinetti, Carboni, Gagliano, Walukiewicz e Simeone.

Sarà, invece, Federico La Penna di ‘Roma 1’ a dirigere Cagliari-Atalanta, coadiuvato dagli assistenti Dario Cecconi di Empoli e Davide Imperiale di Genova.

Quarto ufficiale sarà Federico Dionisi di L’Aquila, mentre gli addetti al VAR saranno Maurizio Mariani di Aprilia e Alessandro Giallatini di ‘Roma 2’.

foto Cagliari Calcio/ Valerio Spano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.