Violenza contro le donne: l’UE istituisce un nuovo numero di assistenza.

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Commissione europea ha presentato il 116 016, il nuovo numero europeo dedicato alle vittime di violenza contro le donne.

“La violenza contro le donne – ricorda l’Alto rappresentante dell’UE Josep Borrell – si verifica in tutti i Paesi. I fatti sono sconvolgenti: nell’UE e nel mondo, una donna su tre ha subito violenze fisiche o sessuali. Ad oggi una bambina su cinque è vittima di abusi sessuali. La violenza in rete è in aumento, una giovane su due è vittima di violenza di genere online. Condanniamo tutte le forme di violenza contro le donne e le giovani. È inaccettabile, nel 21esimo secolo, che donne e giovani continuino a essere vittime di abusi, molestie, stupri, mutilazioni o matrimoni forzati. Restiamo fedeli alla nostra ambizione di mettere fine alla violenza contro le donne all’interno e all’esterno dell’UE”.

LEGGI ANCHE:  Diritto alla casa. Affitti in aumento tra il secondo e il terzo trimestre 2023.

Nell’occasione sono state ricordate le ultime milestones realizzate dalla Commissione europea per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere, a partire dalla strategia dell’UE per la parità di genere 2020-2025 . Il piano d’azione per il pilastro europeo dei diritti sociali, ancora, ribadisce l’impegno a proporre nuove norme per porre fine alla violenza di genere contro le donne, comprese le molestie sul lavoro basate sul sesso. La Commissione, inoltre, fornisce finanziamenti a progetti e organizzazioni per combattere la violenza di genere attraverso il programma Cittadini, uguaglianza, diritti e valori .

L’8 marzo 2022, inoltre, la Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva per combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica . La proposta mira a garantire che le forme più gravi di violenza contro le donne siano criminalizzate in tutta l’UE, come lo stupro, le mutilazioni genitali femminili e la violenza informatica di genere, compreso il cyber stalking e la condivisione non consensuale di immagini intime.

LEGGI ANCHE:  Violenza contro le donne: luce verde alla ratifica della Convenzione di Istanbul.

L’11 maggio 2022, successivamente, la Commissione ha adottato una proposta di regolamento sulla prevenzione e la lotta contro gli abusi sessuali sui minori . La nuova proposta obbligherà i fornitori a rilevare, segnalare e rimuovere materiale pedopornografico dai propri servizi.

La Commissione, adesso, sta lavorando per l’adesione dell’UE alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza nei confronti delle donne e alla violenza domestica – la Convenzione di Istanbul.

Parallelamente, la Commissione sta lavorando all’attuazione della sua prima strategia dell’UE sui diritti delle vittime (2020-2025), compresa una possibile revisione nel 2023.

A livello internazionale, il piano d’azione sulla parità di genere e l’emancipazione femminile nelle relazioni esterne 2020-2025 (GAP III) fornisce un ambizioso quadro politico esterno per realizzare progressi in materia di parità di genere e emancipazione femminile. L’UE proseguirà i suoi sforzi per frenare la violenza sessuale e di genere in tutto il mondo, anche nei conflitti e nelle emergenze. Ad esempio, l’iniziativa globale Spotlight, con un investimento iniziale dell’UE di 500 milioni di euro, mira a eliminare tutte le forme di violenza contro le donne e le ragazze. L’UE è inoltre un membro attivo dell’invito all’azione per la protezione dalla violenza di genere nelle emergenze, un’iniziativa globale interlaterale con più di 100 membri che mira a guidare il cambiamento e promuovere la responsabilità del sistema umanitario per affrontare il problema della discriminazione di genere violenza fin dalle prime fasi di una crisi.

LEGGI ANCHE:  No alla violenza contro le donne, il flash-mob degli studenti. Premiato l'IC Settimo San Pietro.

foto Mathieu Cugnot Copyright: © European Union 2022 – Source : EP