Università, quasi 10.500 i posti disponibili per Scienze della Formazione primaria.

Sono circa 10.500 i posti disponibili per gli aspiranti docenti della scuola dell’infanzia e della primaria per il 2023-2024. Circa 1000 in più rispetto all’anno precedente, come confermato dal decreto siglato recentemente dalla ministra dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini. Un provvedimento, ricordano dal dicastero, che definisce i posti per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria per il prossimo anno accademico.

“Questo decreto è per noi una soddisfazione. Abbiamo circa 1.000 posti in più rispetto al potenziale formativo inizialmente previsto – spiega il Ministro dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini -. Un risultato importante. È il frutto di una concertazione portata avanti d’accordo con il Ministero dell’Istruzione e del Merito, la CRUI, la Conferenza dei Rettori delle Università. Ringrazio gli Atenei perché, senza il loro impegno, risultati come questo non sarebbero possibili”.

LEGGI ANCHE:  Università, la Regione stanzia 26 milioni

I posti ripartiti tra le Università, in totale, saranno 10.476. Di questi, 10.262 sono riservati ai candidati dei paesi UE e non UE residenti in Italia. Mentre i restanti 214 sono le disponibilità per i candidati dei paesi non UE, residenti all’estero.

La selezione di ammissione per l’accesso ai corsi di laurea in Scienze della formazione primaria si terrà il prossimo 20 settembre. Ciascun Ateneo elaborerà la propria prova che dovrà consistere nella soluzione di 80 quesiti che prevedono quattro opzioni di risposta, di cui una sola quella corretta: 40 quesiti valuteranno le competenze linguistiche e di ragionamento logico; 20 saranno sulla cultura letteraria, storico-sociale e geografica; gli altri 20 saranno su argomenti di cultura matematico-scientifica.

LEGGI ANCHE:  Emergenza Ucraina: 66 borse di studio dal Cnr.

I candidati avranno a disposizione 150 minuti per lo svolgimento della prova. Un punto sarà attribuito per ogni risposta esatta e 0 punti per ogni risposta omessa o non corretta. Il punteggio minimo per accedere alla graduatoria è di 55/80.