Un’alleanza tra Paesi del Mediterraneo per sostenere i giovani imprenditori.

Sì è svolto a Sfax in Tunisia il primo incontro di informazione del progetto di cooperazione internazionale ReSt@rts co-finanziato dall’Unione Europea del programma ENI CBC MED e guidato dalla Camera di Cooperazione Italo Araba. Durante la conferenza è stata annunciata la nascita del Comitato internazionale ReSt@rts, fondato dai partner del progetto, che ha l’obbiettivo di facilitare l’accesso al credito ai giovani imprenditori dei paesi del Mediterraneo, e offrire sostegno attraverso gli strumenti della microfinanza a soggetti generalmente non bancabili. È stata inoltre presentata al pubblico la nuova piattaforma online attraverso la quale si contribuirà a facilitare l’incrocio tra domanda e offerta di servizi finanziari e di supporto alle esigenze delle imprese.

LEGGI ANCHE:  Imprenditoria in Sardegna. Il parere dei giovani imprenditori.

Con un approccio ispirato ai principi della finanza etica e solidale e di collaborazione pubblico-privato, si intende portare un sostegno ai soggetti generalmente non bancabili grazie agli strumenti della microfinanza e della formazione, e mettere a sistema le esperienze maturate dalle organizzazioni partner in precedenti progetti finanziati dal programma ENI CBC MED come MEDSt@rts, di cui la Camera di Cooperazione Italo Araba è stata partner, e GIMED, attivi nello sviluppo di soluzioni innovative per supportare giovani aspiranti imprenditori a creare nuove imprese.

L’evento, organizzato dalla Camera di Commercio e Industria di Sfax, uno del partner del progetto ReSt@rts ha visto la partecipazione dei rappresentati delle altre organizzazioni partner provenienti da 6 paesi diversi e di numerosi rappresentanti di organizzazioni attive nell’ambito della microfinanza e del supporto all’imprenditoria. Tra questi, dall’Italia hanno partecipato Coopfin e Federterziario. L’obiettivo principale del progetto ReSt@rts è di promuovere l’accesso ai finanziamenti per le donne, i giovani e i gruppi vulnerabili nel bacino del Mediterraneo.

LEGGI ANCHE:  Digitale: l'UE apre un nuovo ufficio a San Francisco, in Europa ostacoli per i giovani.

Capofila del progetto è la Camera di Cooperazione Italo Araba. Gli altri partner sono la Regione Calabria e Federterziario per l’Italia, la Camera di Commercio di Achaia (Grecia), la Camera di Commercio di Sfax (Tunisia), LEADERS International (Palestina), la Camera di Commercio di Sidone e Sud del Libano (Libano), la Camera di Commercio di Cipro (Cipro), Ager Sarl (Tunisia), e l’European Crowdfunding Network come partner associato.