SS 129, no alla VIA nel tratto di Orotelli.

“Non sarà necessario sottoporre all’ulteriore procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale), i lavori programmati dall’Anas nella SS 129 “Trasversale sarda” in un tratto (tra il km 63.700 e il 64.700) nel territorio di Orotelli, necessari per migliorare la sicurezza della strada con l’eliminazione delle principali criticità”.  Lo ha detto l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, dopo l’approvazione in Giunta regionale della delibera presentata a seguito dell’istruttoria del ‘Servizio Via’ dell’Assessorato, che ha acquisito i pareri del Corpo forestale, del Servizio Tutela del paesaggio, della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio di Sassari e del Genio civile di Nuoro.

“L’intervento è inserito nei lavori che sta realizzando l’ente gestore della SS 129, un’arteria importante che attraversa la Sardegna da est verso ovest, partendo dalla Marina di Orosei fino a Macomer – ha aggiunto l’assessore Lampis – Verrà rimossa una situazione di pericolosità per i guidatori determinata dalla presenza, in successione, di quattro curve di piccolo raggio, che causano una marcata tortuosità del tracciato e una ridotta visibilità in curva. Sarà realizzata una variante planoaltimetrica del tracciato con l’inserimento di una successione di tre curve collegate tra loro. Sono previsti anche i necessari allargamenti per garantire la distanza di visuale libera per l’arresto e la ricucitura della viabilità locale di penetrazione agraria per la nuova configurazione del tracciato”.

LEGGI ANCHE:  Raccolta differenziata, Lampis: "Abbiamo superato il 66%. Puntare all'80% entro il 2022"

“Nell’istruttoria sono state verificate le caratteristiche e le dimensioni del progetto, la tipologia delle opere ed il contesto territoriale e ambientale di riferimento, nonché i principali effetti che si possono avere sull’ambiente. I lavori sono, comunque, subordinati al rispetto di alcune condizioni ambientali da recepire nelle successive fasi progettuali e nella fase di cantiere e di esercizio”, ha concluso l’assessore Lampis.

Sull’osservanza delle prescrizioni dovranno vigilare, secondo le rispettive competenze, il Comune di Orotelli, la Provincia di Nuoro, il servizio Tutela del paesaggio Sardegna Centrale, la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio di Sassari, il Distretto idrografico della Sardegna, il Genio civile di Nuoro, il Corpo forestale e l’Arpas. 

LEGGI ANCHE:  Lago Omodeo, Arpas: "Nessun allarmismo"