Monte Urpinu, Sanna e Lampis: “Un grande polo ambientale”

“Oggi restituiamo alla comunità locale uno spazio di grande rilevanza ambientale”. Così ha esordito l’assessore agli Enti Locali, Quirico Sanna, intervenuto per presentare i lavori avviati dall’Agenzia Forestas per la manutenzione e il miglioramento del verde nell’area dell’ex 68° Deposito carburanti, dismesso dall’Aeronautica militare e acquisito dalla Regione nel 2007. Un passo importante per la creazione del Polo ambientale regionale, ma anche per la realizzazione del sogno dell’esponente sardista Salavatore “Bobo” Farina, come ricordato dall’assessore Sanna: “Portare la sede dell’Ente Foreste qui a Monte Urpinu era il sogno di Bobo Farina. Con questi lavori realizzeremo il suo sogno e porteremo le principali istituzioni per la preservazione e la protezione del patrimonio ambientale all’interno di questo spazio”.

LEGGI ANCHE:  Concessioni demaniali marittime, Quirico Sanna: "Superato il blocco degli investimenti".

L’assessore ha poi voluto ringraziare i colleghi dell’assessorato alla Difesa dell’Ambiente e, in particolar modo, il Direttore Generale dell’assessorato agli Enti Locali, Umberto Oppus, definito come la “mente diabolica che ha messo in moto il percorso per il recupero del sito, lasciato all’incuria dal lontano 2007”.

Gianni Lampis, foto Sardegnagol riproduzione riservataUn nuovo progetto di recupero salutato con particolare entusiasmo dal DG Oppus: “Qui, nei prossimi tempi, verrà creato un polo ambientale che ospiterà l’Agenzia Forestas, e, se i volumi lo consentono, il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale. Il recupero degli spazi ci consentirà di risparmiare sugli affitti degli uffici regionali e di aumentare gli spazi verdi a disposizione della cittadinanza, con la possibilità di collegare Monte Urpinu alle Saline di Stato e realizzare 6 ettari di parco con percorsi naturalistici”.

LEGGI ANCHE:  Ambiente, 5.4 milioni agli enti locali per la prevenzione della produzione rifiuti

Nell’area dell’ex Deposito carburanti sono anche presenti fabbricati militari per oltre 60mila metri cubi, che saranno interessati da successivi interventi di ristrutturazione e rappresentano veri e propri monumenti di archeologia industriale che la Regione vuole rendere fruibili al pubblico.

Presente anche l’assessore alla Difesa dell’Ambiente, Gianni Lampis: “Stiamo offrendo una grande opportunità alla città di Cagliari e a tutta la Sardegna, perché quindici ettari di parco urbano potranno finalmente essere messi a disposizione dei cittadini. Grazie al lavoro svolto in queste settimane dall’Agenzia Forestas stiamo procedendo alla riqualificazione dell’area guardando al futuro e puntando su un altro suo utilizzo: la Giunta regionale vuole realizzare qui il Polo ambientale degli uffici, portando il Corpo forestale e l’assessorato della Difesa dell’ambiente”.

LEGGI ANCHE:  Minori: ecco 'iopartecipo' lo spazio di ascolto per i giovani.

L’Agenzia Forestas, con i nuovi spazi avrà la possibilità di sopperire alle carenze logistiche, come ricordato dal Commissario Giovanni Caria: “Siamo molto rallegrati dalla decisione della Giunta di assegnare gli spazi all’agenzia che rappresento: sono convinto che l’utilizzo di questo sito faciliterà l’azione di protezione del patrimonio boschivo dell’agenzia e a coordinare meglio l’attività con i circa 200 cantieri Forestas sparsi nell’Isola, a tutela dell’ambiente”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.