Settori high-tech: in Ungheria la maggiore percentuale di addette in Ue.

Quali Paesi Ue sono più inclusivi nei settori ad alta tecnologia? Nel 2022, in tutta l’ UE c’erano 9,8 milioni di persone impiegate nei settori ad alta tecnologia, corrispondenti al 4,9% dell’occupazione totale dell’UE. La rappresentanza di genere in questo settore vede gli uomini rappresentare poco più dei due terzi (67,2%) del totale. 

A livello regionale, le regioni della capitale francese (Ile-de-France) e spagnola (Comunidad de Madrid) hanno registrato il numero più elevato di persone impiegate nei settori ad alta tecnologia, rispettivamente 420.000 e 289.000. 3 regioni, ancora, registrano più di 200.000 occupati nei settori ad alta tecnologia: Alta Baviera nella Germania meridionale, Lombardia nell’Italia settentrionale e Catalogna nella Spagna orientale.

LEGGI ANCHE:  Terremoto in Afghanistan. L'Ue approva 3,5 milioni di euro di aiuti umanitari.

All’estremità inferiore della distribuzione, invece, ci sono 5 regioni con meno di 3000 persone impiegate nei settori ad alta tecnologia: la regione meridionale italiana del Molise, insieme a quattro regioni greche – Anatoliki Makedonia, Thraki, Peloponnisos, Ipeiros e Sterea Elláda .

Le donne rappresentano quasi un terzo (32,8%) del numero totale di persone impiegate nei settori ad alta tecnologia dell’UE nel 2022. 

La percentuale di donne occupate nell’occupazione ad alta tecnologia nelle regioni europee varia da un massimo del 50,2% nella regione ungherese di Nyugat-Dunántúl fino all’8,3% nella regione greca della Tessaglia.

foto Cnr