Scuola in Sardegna: approvata la programmazione della rete scolastica 23/24.

Approvata in via preliminare la programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa della Regione Sardegna per l’anno scolastico 2023/2024. Il Piano di Programmazione, ricordano dalla Giunta, è stato stilato in base alle indicazioni pervenute da parte delle Conferenze Provinciali competenti per territorio.

Per quanto concerne la rete scolastica sono state recepite le richieste dei territori di non apportare modifiche rilevanti alla rete scolastica esistente. Per la programmazione 2023/2024, sono state pertanto accolte le modifiche espressamente approvate in sede di Piani provinciali, volte in particolare al superamento delle Autonomie non correttamente parametrate sia rispetto ai parametri in deroga (300/500 alunni) che ai parametri normativi della legge nazionale.

Per la parte relativa all’offerta formativa e i corsi di secondo livello per gli adulti (ex serali), il Piano preliminare comprende le proposte approvate nei Piani provinciali coerenti con i criteri enunciati nelle Linee Guida, al fine di evitare duplicazioni e sovrapposizioni e garantire un’offerta formativa omogenea e ben distribuita nel territorio. Il Piano di Programmazione sarà inviato alla competente Commissione consiliare per il rilascio del relativo parere.

LEGGI ANCHE:  Future Yeah, l'hackathon creativo per la scuola del futuro ispirata ai valori dell'UE.

“Il Piano di dimensionamento della rete scolastica – spiega l’assessore della Pubblica Istruzione, Andrea Biancareddu –  rappresenta il principale atto di programmazione in tema di istruzione di competenza della Regione che definisce l’articolazione territoriale delle Autonomie scolastiche e dei punti di erogazione del servizio per le scuole di ogni ordine e grado, nonché l’offerta formativa nel territorio regionale. Le Conferenze provinciali hanno prodotto i rispettivi Piani per la riorganizzazione della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2023/2024”.

In merito alla programmazione della rete scolastica, Biancareddu ha evidenziato le difficoltà espresse dai territori in merito al processo di riorganizzazione della propria rete locale e delle criticità che gli Enti locali coinvolti nel processo, si sono trovati a dover affrontare per garantire un equilibrio tra le diverse istanze locali e i vincoli stringenti imposti dalla normativa nazionale per l’attribuzione delle dirigenze.

“Su questo punto, ritengo doveroso ricordare che la deroga ai parametri previsti dalla normativa statale vigente ha carattere transitorio, pertanto le Istituzioni scolastiche saranno di nuovo considerate normo dimensionate, esclusivamente sulla base della normativa di carattere generale (parametri 400/600 studenti), con le conseguenti e ormai note difficoltà connesse all’attribuzione delle reggenze e della gestione tecnico amministrativa e organizzativa dell’istituzione scolastica. Sono inoltre perfettamente consapevole delle difficoltà che gli Enti locali incontrano nel processo di dimensionamento soprattutto nel trovare un costante equilibro tra le esigenze del territorio e la definizione di una rete scolastica correttamente parametrata, tuttavia ricordare l’importanza per le Autonomie scolastiche, di disporre in via continuativa della presenza del Dirigente Scolastico e del Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi al fine di garantire una maggiore funzionalità organizzativa e gestionale per una programmazione scolastica efficiente.”

LEGGI ANCHE:  Covid-19, Ministro Boccia: "Governo accanto alla Sardegna. Stop propaganda".

Nel caso di mera fusione amministrativa di Autonomie scolastiche sottodimensionate non si avrebbe alcuna soppressione di punto di erogazione del servizio e gli studenti quindi non dovrebbero recarsi in altro Comune per frequentare le lezioni, salvo diversa volontà degli Enti locali. Inoltre non sono state accolte richieste per la creazione di Autonomie scolastiche sottodimensionate rispetto ai parametri.

“Negli ultimi anni – dice ancora l’assessore Biancareddu – la Regione ha mantenuto tutti i punti di erogazione del servizio esistenti e nel Piano regionale, sono state inserite le proposte di soppressione dei punti di erogazione del servizio deliberati e approvati dalle Conferenze provinciali.“

Accolta anche la richiesta del Comune di Cagliari, trasmessa per il tramite della competente Conferenza provinciale, per la soppressione e conseguente disattivazione dei codici meccanografici dei plessi ex Buon Pastore (assorbito dal plesso Alberto Riva) e ex Sacro Cuore (assorbito dal plesso Santa Alenixedda), entrambi facenti parte dell’Istituto comprensivo Santa Caterina di Cagliari.

LEGGI ANCHE:  Sanità: 1,4 milioni per gli specializzandi sardi e l'aumento delle borse di specializzazione in area sanitaria non medica.

Per quanto concerne l’istituzione degli Istituti Globali, l’Assessore ribadisce che le Linee guida per l’anno scolastico 2023/2024 non prevedono l’attivazione di nuovi Istituti Omnicomprensivi e ricorda comunque che per la costituzione degli stessi devono sussistere le condizioni di isolamento e marginalità geografica previste.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata