Sardegna: i dati sul traffico negli scali portuali e aeroportuali.

Dal 12 agosto al 20 agosto 2023 il traffico aereo complessivo nei tre aeroporti sardi è stato di 458.497 passeggeri (Cagliari, 184.064; Olbia, 213.510; Alghero, 60.923) nello stesso periodo del 2022 era stato di 442.528 mentre nel 2019 era di 433.093. Gli arrivi (dal 12 al 20 agosto 2023) sono stati complessivamente 221.822 (Cagliari, 89.590; Olbia 102.812, Alghero, 29.420). Nello stesso periodo del 2022 gli arrivi si erano fermati a 209.415 e nel 2019 erano stati 215.453.

Dati, secondo la Giunta Solinas, che confermano la crescita già registrata nello scorso mese di luglio, anche in riferimento al 2022 e alla stagione record del 2019. Peccato se poi moltre imprese, unitamente ad alcune associazioni di categoria, hanno rilevato un importante calo delle presenze e dei consumi

LEGGI ANCHE:  Cnr, Coronavirus nell’aria? Solo in presenza di assembramenti.

Ma è sempre tempo di buone notizie dalle parti dell’Esecutivo Solinas. “Se al dato del traffico aereo della settimana clou della stagione estiva, si aggiungono i dati dei quattro porti sardi si ha ancora più chiara la dimensione dei volumi sviluppati in Sardegna”, reca la nota stampa odierna.

Dal 12 al 20 agosto, ricordano ancora i vertici regionali, il numero complessivo di passeggeri transitati nelle banchine dell’Isola (solo navi passeggeri ed esclusi croceristi e yacht) è stato di 432.040. Nel solo porto di Olbia si è registrato un traffico pari a 278.954 con 131.768 arrivi; a Porto Torres, il traffico è stato di 86.190 passeggeri con 40.296 arrivi; a Golfo Aranci 48.209 con 22.294 sbarchi e a Cagliari 18.687 con 10.481 arrivi. Nello stesso periodo del 2022, il traffico complessivo si era fermato a 424.876 passeggeri con 194.280 sbarchi.

LEGGI ANCHE:  Simone Cuccu, volontario all’estero nell’anno della pandemia.

“I numeri, prima ancora delle parole – ha dichiarato l’assessore dei Trasporti, Antonio Moro – rendono merito agli sforzi e all’impegno profusi dall’amministrazione regionale per garantire il maggior numero di collegamenti possibili, tali da soddisfare le esigenze di mobilità dei sardi e le legittime attese del comparto turistico”. Statement che prosegue sciolto: “Mi preme, pur senza disconoscere problematiche e criticità, evidenziare l’impegno delle compagnie aeree dei servizi della continuità (i collegamenti da e per i tre aeroporti sardi con Milano-Linate e Roma-Fiumicino) nell’implementazione del numero dei voli tra la Sardegna e il Continente. Si consideri che la compagnia Ita nel periodo dal 3 al 29 agosto 2023 ha programmato 81 collegamenti aggiuntivi (69 nuovi voli e 12 aeromobili di capacità superiore) sulle rotte Cagliari-Roma, Cagliari-Milano e Alghero-Milano, mentre Aeroitalia, con il posizionamento di un vettore aggiuntivo nello scalo di Olbia, ha potuto fare fronte alla maggiore domanda di trasporto sulle rotte Alghero-Roma, Olbia-Roma e Olbia-Milano”.

LEGGI ANCHE:  L'autoreferenzialità degli incontri partenariali della Regione Sardegna per la Strategia Regionale per lo Sviluppo sostenibile.