Sanzioni UE, il Consiglio aggiorna l’elenco con la RIA Fan e il gruppo Wagner.

Il Consiglio europeo, nel corso dell’ultima seduta, ha aggiunto il gruppo Wagner e RIA FAN all’elenco delle persone soggette a misure restrittive dell’UE. Decisione, spiegano dai vertici, che completa il ‘pacchetto Wagner‘ adottato lo scorso 25 febbraio e sottolinea la dimensione internazionale e la gravità delle attività del gruppo, nonché il suo impatto destabilizzante sui Paesi in cui opera.

Il gruppo Wagner – già soggetto a sanzioni dell’UE ai sensi del regime globale di sanzioni per i diritti umani – è un’entità militare privata priva di personalità giuridica con sede in Russia fondata nel 2014, guidata da Dimitriy Utkin e finanziata da Yevgeniy Prigozhin. Gruppo che partecipa attivamente alla guerra di aggressione russa contro l’Ucraina e che ha guidato gli attacchi contro le città ucraine di Soledar e Bakhmut .

LEGGI ANCHE:  Sanzioni alla Russia, ID: "Quali ricadute sulla politica energetica europea?".

RIA FAN, invece, fa parte del Patriot Media Group, un’organizzazione mediatica russa il cui consiglio di fondazione è guidato da Yevgeniy Prigozhin. L’agenzia di stampa è, in particolare, coinvolta nella propaganda filogovernativa e nella disinformazione sulla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina.

Complessivamente, le misure restrittive dell’UE relative ad azioni che compromettono o minacciano l’integrità territoriale, la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina si applicano ora a un totale di 1473 persone e 207 entità . Le persone designate sono soggette a congelamento dei beni e ai cittadini e alle imprese dell’UE è vietato mettere a loro disposizione fondi.

foto Army Staff Sgt. Jose H. Rodriguez DOD