Sacchetti di plastica: cala il consumo nell’UE.

Nel 2021, ogni persona che vive nell’UE ha consumato in media 77 borse di plastica leggera (LPCB), ovvero 11 borse in meno per persona, rispetto al 2020. Complessivamente, nell’UE sono stati consumati 34,2 miliardi (miliardi) di borse di plastica leggera . 2021 (-4,8 mld di bagagli rispetto al 2020). 

Una buona notizia confermata nell’ultima rilevazione di Eurostat, per il quale il 2021 è stato il primo anno in cui il consumo nell’UE di borse di plastica molto leggere (ovvero borse con uno spessore delle pareti inferiore a 15 micrometri (micron)) è diminuito. 

Nel 2021, gli abitanti dell’UE hanno consumato 12,3 miliardi di borse di plastica molto leggere (VLPCB), meno che in qualsiasi anno precedente (dall’inizio della raccolta dei dati nel 2018): 14,1 miliardi nel 2018; 14,5 miliardi nel 2019; 14,9 miliardi nel 2020).  

LEGGI ANCHE:  Eurostat. Le grandi imprese generano la metà del fatturato netto dell’UE.

Dal 2018, il consumo di LPCB con spessore compreso tra 15 e meno di 50 micron è costantemente diminuito: da 8,2 miliardi nel 2018 a 3,5 miliardi nel 2021.  

Tutti i paesi dell’UE hanno ora in atto misure di riduzione del consumo come richiesto dalla direttiva sui sacchetti di plastica , che mira a ridurre il consumo di LPCB per non superare i 40 sacchetti a persona entro il 31 dicembre 2025. Tuttavia, questo obiettivo non include i VLPCB.

Tra i paesi dell’UE con dati disponibili, i paesi che hanno segnalato il consumo più elevato di LPCB pro capite nel 2021 sono stati Lituania (271 sacchi a persona), Lettonia (204) e Repubblica Ceca (189), con la maggior parte del consumo relativo a VLPCB. 

LEGGI ANCHE:  Un Parlamento europeo più moderno ed efficiente: la CoP approva il pacchetto di riforma.

All’estremità opposta della scala, i paesi che hanno segnalato il consumo più basso sono stati Belgio (5 sacchi a persona), Portogallo (9) e Svezia (16). In Belgio, il consumo pro capite di VLPCB è stato di 1 sacco e di 2 sacchi in Svezia. Il Portogallo non ha segnalato la scissione.

L’ampia gamma osservata nel consumo pro capite è principalmente attribuibile alle differenze nell’efficacia delle misure, a seconda di fattori economici, sociali e politici. Un altro motivo è che alcuni paesi hanno introdotto misure di riduzione dei consumi durante il periodo 2018-2021, ma altri le hanno attuate per un periodo più lungo. Una terza potenziale spiegazione sono le diverse metodologie di calcolo utilizzate dai paesi dell’UE.

LEGGI ANCHE:  Produzione agricola: aumento del valore del 19% alimentato dall’impennata dei prezzi.