Recovery, la visita romana della Presidente von der Leyen. Dieci A per il piano dell’Italia.

Il Premier Mario Draghi oggi ha ricevuto la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in visita a Roma per consegnare personalmente i risultati della valutazione e della raccomandazione della Commissione al Consiglio sull’approvazione dei piani nazionali per la ripresa e la resilienza nel contesto di NextGenerationEU.

Nel corso della tappa romana, svoltasi a Cinecittà, si è discusso del piano del 5G, del ‘Servizio civile digitale’ e della riqualificazione delle opere sparse nel Paese. Tutti progetti che saranno finanziati dai primi 25 miliardi del Recovery plan in arrivo con il via libera di Bruxelles al piano italiano. Una prima tranche che sarà erogata entro luglio su circa 191,5 miliardi che arriveranno gradualmente nel Paese fino al 2026.

LEGGI ANCHE:  PNRR, accreditati 24,9 miliardi di euro, Mario Draghi: "Italia è uno dei primi Paesi a ricevere il prefinanziamento".

Al termine della visita tra i set e i teatri di posa di Cinecittà, è stato siglato il Piano italiano sul palcoscenico della cittadella cinematografica di Roma. Su undici capitoli esaminati del Pnrr, sono state attribuite dieci A dalla Commissione europea, per la quale la proposta italiana “rappresenta una risposta bilanciata e completa alla situazione economica e sociale, contribuendo in maniera efficace ad affrontare le sfide identificate dalle raccomandazioni specifiche della Ue”. Inoltre, si legge nelle dichiarazioni della Commissione, il piano “rafforza il potenziale di crescita, la creazione di posti di lavoro, e la resilienza economica, sociale ed istituzionale senza arrecare danni agli obiettivi ambientali della Ue”.

Bruxelles, infine, ha rilevato che il piano è “ben allineato” al Green Deal, vista l’allocazione del 37% delle risorse per la transizione climatica e il 25% dedicato al digitale, con misure per la digitalizzazione delle imprese, incentivi fiscali per la transizione 4.0, la banda larga e il sostegno a ricerca e innovazione.

Dopo l’erogazione delle risorse, Bruxelles verificherà, ogni 6 mesi, il raggiungimento delle “milestones” previste nel piano del Governo. I primi fondi saranno impiegati in 123 progetti.

LEGGI ANCHE:  SURE: la Commissione europea emetterà fino a 100 miliardi di euro di obbligazioni sociali.

foto Governo.it licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT