Progressisti: “Regione allo sbando. Commissariati 16 enti su 21”.

Al giro di boa della legislatura, il giudizio del gruppo dei Progressisti non può che essere ingeneroso nei confronti della giunta di centrodestra, come rimarcato oggi dal capogruppo Francesco Agus: “Dopo due anni e mezzo di governo del centrodestra, nel momento in cui la Regione dovrebbe guidare la ripresa sociale ed economica dell’intera Isola, siamo di fronte a una precarizzazione sistematica in cui enti e agenzie sono guidate da commissari, facenti funzioni o sostituti per un tempo ben più lungo di quanto stabilito dalle norme ed eludendo i più elementari principi di separazione tra potere politico e potere amministrativo”.

L’ultimo caso in ordine di tempo, quello di Forestas, dove da due anni si alternano più figure incaricate di svolgere le funzioni di sostituto del direttore generale: “L’ultima nomina di facente funzioni, stabilita dal commissario straordinario, ricordano i Progressisti, è stata disposta oggi per altri 90 giorni: tutto nonostante esista un elenco di 14 idonei a ricoprire il ruolo, elenco formato grazie a una manifestazione di interesse indetta nel settembre 2019 e sistematicamente ignorato. Vogliamo sapere per quale motivo non sia stato ancora utilizzato l’elenco degli idonei per l’incarico e, di conseguenza, per quale motivo a distanza di oltre due anni non sia stato ancora nominato il direttore generale dell’agenzia”.

LEGGI ANCHE:  Piano casa, Progressisti: "Fibrillazioni interne alla maggioranza".

Da qui la fredda constatazione numerica sull’attuale assetto regionale, dove su 21 enti sono ben 16 le entità commissariate: “Le cose non vanno meglio all’interno dell’amministrazione regionale, dove 9 posti di direttore generale su 24 sono vacanti. Stessa situazione tra i direttori di servizio: all’Industria, al Lavoro, al Turismo e agli Enti locali, settori nevralgici per la ripresa della Sardegna, sono i sostituti a gestire temporaneamente le strutture. Questo fornisce una spiegazione, seppur disarmante, alle migliaia di cittadini sardi che attendono da mesi, risposte, ristori, sblocco degli appalti e delle procedure oggi impantanate negli uffici sguarniti della Regione”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata