Pandemia e salute mentale perinatale, quasi triplicate le donne a rischio depressione. 

Sono aumentate durante la pandemia le donne con un rischio di depressione nel periodo perinatale, passando dall’11,6% nel 2019 al 13,3% nel 2020, fino al 19,5% nel periodo tra gennaio e settembre 2021 e al 25,5% nel periodo tra novembre 2021 e aprile 2022.

Sono questi i primi dati nazionali sull’impatto della pandemia sul rischio di depressione e ansia nelle madri durante il periodo perinatale, pubblicati sull’International Journal of Environmental Research and Public Health.

Le variabili associate al rischio di depressione includono l’avere problemi economici e non poter fare affidamento sul sostegno di parenti o amici, mentre essere casalinga rappresenta un rischio inferiore. Le variabili associate al rischio di ansia, invece, riguardano l’essere di nazionalità italiana, avere alcuni o molti problemi economici, non poter contare sul sostegno di parenti o amici, e non aver frequentato un corso di preparazione al parto.

LEGGI ANCHE:  Terremoto in piena campagna antincendio: lo SNAF minaccia lo stato d’agitazione.

Questi dati, spiegano i ricercatori, provengono da un ampio campione nazionale, “evidenziano l’impatto negativo della pandemia sulla salute mentale delle donne nel periodo perinatale e confermano il ruolo di noti fattori psicosociali per l’ansia e la depressione e la loro esacerbazione durante il biennio della pandemia”.

Risultati che evidenziano incontrovertibilmente l’urgenza di monitorare il benessere psicologico delle donne nel periodo perinatale. L’attuazione di programmi di screening in questo periodo è, infatti, importante per identificare precocemente le donne a più alto rischio di ansia/depressione e quindi la loro inclusione in programmi di intervento efficaci, favorendo così lo sviluppo della relazione madre-bambino e della salute mentale per tutta la vita.

LEGGI ANCHE:  Difesa delle donne, al via il progetto Zeromolestie.