Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Musei Civici di Cagliari, Collezione Ingrao: presentate le opere del Fondo di Arte Sacra. - Sardegnagol

Musei Civici di Cagliari, Collezione Ingrao: presentate le opere del Fondo di Arte Sacra.

In attesa di celebrare il ventennale della donazione della Collezione Ingrao, donata alla Città di Cagliari dall’assistente personale di Francesco Ingrao, Elisa Mulas, la Direzione dei Musei Civici ha riportato alla luce una parte delle opere del Fondo di Arte Sacra della Collezione Ingrao.

Capolavori presentati stamattina nella Galleria Comunale d’Arte di Cagliari, che ha visto la partecipazione del sindaco Paolo Truzzu, dell’assessora alla Cultura Paola Piroddi, della Direzione dei Musei Civici di Cagliari composta dalla Dirigente del Servizio Cultura e Spettacolo Antonella Delle Donne, Mariano Pitzalis ed Efisio Carbone e con la partecipazione dell’Arcivescovo di Cagliari, Giuseppe Baturi.

Paola Piroddi, Paolo Truzzu, Giuseppe Baturi, Collezione Ingrao Arte Sacra, foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

L’intero nucleo del Fondo di Arte Sacra raccoglie quarantacinque sculture e otto dipinti: opere, come emerso nel corso della conferenza, che esprimono la sensibilità estetica e il senso di religiosità di Francesco Paolo Ingrao, particolarmente evidente nella serie dei Crocifissi.

LEGGI ANCHE:  Cagliari. Il sindaco Truzzu sospende le lezioni in alcuni istituti scolastici.

In particolare, sono sette le sculture lignee che rappresentano la Crocifissione, emblema della cristianità. I Crocifissi, di dimensioni ridotte perché legati alla devozione privata, sono datati tra il XVI e il XVIII secolo. Tre presentano l’iconografia del “Cristo vivo”, colto nel momento di massima sofferenza immediatamente precedente la morte, mentre i quattro restanti rappresentano il “Cristo morto”, con il capo reclinato sulla spalla destra, immortalato dopo aver esalato l’ultimo respiro.

Collezione ingrao arte sacra, foto Sardegnagol, riproduzione riservata

Tra le opere più significative, ancora, il mezzo busto ligneo senza braccia del “Santo Monaco” che sembra ispirarsi allo stile proto-rinascimentale senese e il manufatto raffigurante Sant’Antonio da Padova datato XVI secolo.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata

LEGGI ANCHE:  Mogoro celebra i vent’anni del Centro di servizio per il volontariato