Mobilità elettrica. Cagliari aderisce al programma della Regione Sardegna.

Anche il Comune di Cagliari ha aderito al programma di mobilità elettrica della Regione Sardegna. Un programma che prevede per il capoluogo la costruzione di 132 colonnine in città e 276 nei comuni dell’area metropolitana.

Attraverso il documento di adesione, il capoluogo sardo si impegna a mettere a disposizione dell’operatore/gestore, l’uso gratuito delle proprie aree necessarie ad installare le stazioni di ricarica per veicoli elettrici ad accesso pubblico, ad assicurare la collaborazione relativa al rilascio delle autorizzazioni per l’installazione e gestione delle infrastrutture di ricarica elettrica nel proprio territorio, a privilegiare, nel rinnovo del parco veicoli dell’Amministrazione, l’acquisto di veicoli elettrici, a promuovere campagne di informazione e comunicazione del programma di sviluppo della mobilità elettrica e ad adeguare i Piani Urbanistici ai sensi del D.Lgs 257/2016.

LEGGI ANCHE:  Elezioni europee e astensionismo, Pisani: "Giovani delusi da dibattito elettorale".

“Ora – spiega l’assessora all’Industria Anita Pili – si potrà dare l’avvio ai lavori per la realizzazione delle colonnine di ricarica ad accesso pubblico ‘fast e quick’. Ne saranno installate 574 nelle aree a maggior traffico dell’Isola, con un totale di 1.148 punti di ricarica, così da consentire la copertura del servizio nelle principali aree urbane”.

Enel X realizzerà gli impianti in tutte le principali città (Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano, Olbia), in tutti i Comuni della Città metropolitana di Cagliari e in altre città costiere, come Alghero, Pula, Porto Torres, Stintino, Castelsardo e altri centri dell’interno.