Lamberto Giannini è il nuovo capo della Polizia.

Il Prefetto Lamberto Giannini è stato nominato al vertice della Polizia di Stato italiana, dal Consiglio dei Ministri. Precedentemente, Giannini aveva ricoperto l’incarico di capo della Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Nato a Roma il 29 gennaio del 1964, dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma, è entrato nei ruoli della Polizia di Stato nel 1989 frequentando il 74° corso per Vice-Commissari presso l’Istituto Superiore di Polizia.

Per oltre 25 anni ha operato come investigatore nel mondo dell’antiterrorismo, guidando, in ordine di tempo, la Digos della Questura di Roma, il Servizio Centrale Antiterrorismo e la Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, della quale è stato direttore dal 1 ottobre 2016 al 23 dicembre 2020.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili. Il Dipartimento (dopo la sentenza del Tar Lazio) proroga la scadenza per il Servizio Civile Universale.

Come Capo della Polizia succede al Prefetto Franco Gabrielli, nominato recentemente Sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai servizi segreti, con il quale ha lavorato, per molti anni, spalla a spalla durante importanti indagini contro il terrorismo interno ed internazionale.

Tra le più importanti operazioni portate a termine dal prefetto Giannini gli arresti dei terroristi appartenenti al gruppo della Nuove Brigate Rosse.