La maggior parte delle regioni dell’UE registra un aumento del PIL reale nel 2022.

Nel 2022, il PIL reale è aumentato in 231 delle 242 regioni dell’UE, mentre sono state rilevate diminuzioni in 11 regioni. La regione con la maggiore crescita in termini di volume del PIL è stata l’Algarve in Portogallo, con un +17,0%. Un’altra regione portoghese si è classificata al secondo posto, Região Autónoma da Madeira (+14,2%), seguita dalla regione meridionale dell’Irlanda (+13,5%), Illes Balears in Spagna (+12,5%) e la provincia del Brabante Vallone in Belgio (+10,9%) . 

Il calo più significativo è stato registrato nella regione di Yugoiztochen in Bulgaria (-3,1%). Segue un’altra regione bulgara, Severozapaden, che ha registrato un calo del -1,7%, seguita dalla Corsica in Francia e da Észak Magyarország in Ungheria (entrambe -1,2%). 

LEGGI ANCHE:  Nella patria degli "esportatori di democrazia" continuano le esecuzioni capitali.

Nel 2022, il PIL regionale pro capite espresso in termini di standard di potere d’acquisto (SPA) variava dal 30% della media dell’UE a Mayotte, una regione d’oltremare in Francia, al 286% nell’Irlanda meridionale.

Dopo l’Irlanda del Sud, le regioni leader sono state il Lussemburgo (257% della media UE), l’Irlanda dell’Est e del Centro (247%), Praha in Repubblica Ceca (207%) e la Région de Bruxelles Capitale/Brussels Hoofdstedelijk Gewest belga (196%). L’elevato PIL pro capite in queste regioni (Lussemburgo, Bruxelles e Praga) può essere in parte spiegato da un elevato afflusso di lavoratori pendolari e da alcune grandi imprese multinazionali domiciliate nelle regioni (Irlanda meridionale, orientale e centrale).

Al contrario, dopo Mayotte (30%), le regioni con il PIL regionale pro capite più basso nel 2022 sono state Severozapaden in Bulgaria e Guyane in Francia (entrambe al 40% della media UE), seguite da Voreio Aigaio in Grecia (41% ) e Severen tsentralen in Bulgaria (42%).

LEGGI ANCHE:  Incendi: l'UE raddoppia la flotta aerea per l'estate 2023.