La Commissione UE archivia la procedura d’infrazione su rumore e mappe acustiche.

“E’ stata dimostrata la messa in regola su mappature, mappe acustiche strategiche e piani d’azione”. Questo il commento del ministro del MASE Gilberto Pichetto in merito alla decisione della Commissione europea di archiviare la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per la non corretta attuazione della direttiva comunitaria sulla determinazione e la gestione del rumore ambientale.

Decisione arrivata la scorsa settimana, il 19 aprile, dopo un articolato confronto tra la direzione per le Valutazioni Ambientali del Ministero e la Commissione, che nel 2018 aveva contestato nel parere motivato all’Italia di essere venuta meno agli obblighi di elaborare mappature, mappe acustiche strategiche e piani d’azione per un consistente numero di agglomerati e assi stradali – ferroviari.

LEGGI ANCHE:  Fake news, Anna Zalewska: "Combattere la disinformazione nell'UE".

“Una buona notizia per il Paese – ha concluseo Pichetto – che premia l’importante lavoro di interlocuzione svolto in questi anni dalle strutture ministeriali, oltre che l’impegno delle realtà locali nella complessa pianificazione su questo tema”.