‘Insieme’. La tradizione popolare russofona incontra la Sardegna

“INSIEME – Rete per la conoscenza e aggregazione 2019-2020”, il progetto di aggregazione e scambio culturale con la diaspora post-sovietica in Sardegna ha fatto tappa a Laconi e ad Aritzo, mettendo in condivisione le rispettive tradizioni popolari.

Nel corso dei due incontri sono stati presentati i costumi popolari bielorussi, russi e ucraini appartenenti a varie regioni, raccontandone le particolarità e il significato antropologico legato ad alcuni momenti storici e all’appartenenza sociale e professionale di chi li indossava.

Tra le novità la presentazione del salterio slavo, uno strumento musicale a corde, molto diffuso nei paesi dell’Europa Orientale e simbolo identitario in paesi come la Bielorussia. 

La musicista bielorussa Tatsiana Syravezhkina, direttrice dell’Orchestra per salterio di Gomel e docente del gruppo di aggregazione e laboratorio musicale che si tiene a Cagliari nei locali della Parrocchia di Sant’Eulalia, ha eseguito con grande maestria alcune pezzi, sia popolari sia classici dimostrando così la grande duttilità dello strumento, omaggiando, infine, la Sardegna con una esecuzione di un motivo di ballo sardo.

LEGGI ANCHE:  Il programma Talent Up al taglio del nastro. Pigliaru inaugura il corso per i giovani imprenditori dell'innovazione.

Agli incontri era presente anche Olesya Gamotina, giornalista di origine russe, che ha illustrato le attività dedicate ai bambini delle seconde generazioni e che coinvolgono anche tantissimi bambini italiani che imparano il russo attraverso il gioco e la riscoperta di antiche fiabe e tradizioni.

Costumi tradizionaliZhanna Sotnik, ucraina, che da molti anni lavora in Sardegna, ha raccontato del Punto “INSIEME” presso la biblioteca russofona “Rodnoe Slovo” nell’oratorio di Sant’Eulalia a Cagliari dove fra le altre cose è possibile consultare i libri in lingua russa, bielorussa, ucraina e moldava.

Infine Pier Paolo Fulio appassionato di cultura slava e volontario dell’Associazione Cittadini del Mondo ha raccontato delle attività del Gruppo aggregazione “Parliamoci per imparare e fare amicizia” che organizza momenti di incontro fra i madrelingua della diaspora e gli appassionati di lingua russa.

LEGGI ANCHE:  Oltre 30 live per il 1° Festival Internazionale Jazz in Sardegna.

I gruppi folcloristici di Laconi ed Aritzo hanno, a loro volta, illustrato le caratteristiche dei costumi tradizionali e le attività volte alla conservazione delle tradizioni più autentiche coinvolgendo i giovani e meno giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.