Inclusione disabili, i partner di “In Touch” a Malta.

Una cooperazione internazionale per sostenere nei rispettivi territori l’inclusione dei giovani disabili. Questo, in estrema sintesi, il senso del progetto In Touch sostenuto dalla Commissione europea nell’ambito del programma Erasmus+, coordinato dall’organizzazione giovanile ABICI (Italia) e realizzato in collaborazione con Beyond Barriers (Albania), I.C. Lotos (Bosnia-Herzegovina), AYDM (Montenegro), Active Zone Outdoor (Cipro) e TDM2000 Malta.

Organizzazioni incontratesi oggi a Malta per scambiare buone pratiche sul tema dell’inclusione dei giovani con disabilità e fare il punto sulle azioni inserite nell’ambito del progetto che saranno portate avanti nelle 6 nazioni fino al mese di dicembre 2024.

In Touch, foto Sardegnagol riproduzione riservata
In Touch, foto Sardegnagol riproduzione riservata

Azioni che prevedono ricerche sulla condizione giovanile dei disabili, sui sistemi legislativi nazionali e, si legge nella nota, anche la creazione di una App sulle strutture accessibili per disabili presenti nelle 6 nazioni.

LEGGI ANCHE:  Il Parlamento vota la nuova Commissione Europea

“Riteniamo sia fondamentale la cooperazione internazionale in questo settore, viste le buone pratiche esistenti nei diversi contesti nazionali e, soprattutto, data l’intermittente innovatività nel campo della disabilità. Una criticità, nonostante l’ampia legislazione, dove spesso gli interventi per l’inclusione dei disabili producono scarso impatto”, ha dichiarato Gabriele Frongia, rappresentante legale di ABìCì.

In Touch, foto Sardegnagol riproduzione riservata
In Touch, foto Sardegnagol riproduzione riservata

Nell’occasione, oggi si terrà presso la città di Saint Julian una conferenza stampa di presentazione del progetto alla quale parteciperanno, oltre gli organi dell’informazione locale, anche organizzazioni del terzo settore maltese.