Il Parlamento elegge la nuova Commissione di Ursula von der Leyen.

Il Parlamento europeo, con una votazione per appello nominale che si è svolta mercoledì a mezzogiorno,ha approvato il nuovo collegio di commissari presentata dalla Presidente eletta Ursula von der Leyen, con 461 voti favorevoli, 157 contrari, 89 astensioni.

Durante il suo discorso, la Presidente eletta della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ribadito gli impegni assunti in Aula a luglio e quelli assunti dai commissari designati nel corso delle audizioni.
Prima delle elezioni di mezzogiorno, i gruppi politici hanno tenuto delle brevi riunioni per decidere le loro intenzioni di voto, seguite dalle dichiarazioni dei loro leader in Plenaria.

Un altro dato interessante riguarda la rappresentanza femminile nella Commissione, la più alta di sempre: oltre alla Presidente eletta, l’attuale composizione della Commissione comprende 11 donne e 15 uomini.

LEGGI ANCHE:  Coronavirus: La Commissione incrementa il finanziamento destinato alla ricerca con 120 milioni di euro.

Nelle precedenti legislature Jean-Claude Juncker ricevette 423 voti favorevoli, 209 contrari e 67 astensioni. Ancora più a ritroso nel tempo l’elezione per la seconda commissione guidata da José Manuel Barroso con 488 voti favorevoli, 137 contrari e 72 astensioni. Nel 1999 Romano Prodi vide l’approvazione della sua commissione da parte del Parlamento europeo con 510 voti favorevoli, 51 voti contrari e soltanto 28 astensioni. Quattro anni prima Jacques Santer, ricevette il formale incarico dopo la votazione del Parlamento europeo che votò con 417 voti favorevoli, 104 contrari e 59 astenuti.

La nuova Commissione dovrà, adesso, essere formalmente nominata dal Consiglio europeo e l’inizio del suo mandato quinquennale dovrebbe iniziare il prossimo 1° dicembre 2019.

LEGGI ANCHE:  Intelligenza artificiale, la Commissione Ue invia domande sui rischi a 6 piattaforme online.

foto Europarl.europa.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.