Il ‘finto oro’ di Cimabue ai raggi X del sincrotrone.

Non è tutto oro quel che luccica. Il detto sembra attagliarsi bene ai dipinti di arte sacra nei quali al posto della costosa foglia d’oro, venne utilizzata una miscela composta da polvere d’argento metallico ed orpimento cioè un pigmento giallo “simigliante all’oro”, così come definito da Cennino Cennini, (Il Libro dell’Arte, Capitolo XLVII), destinato con il tempo a scurire e perdere lucentezza.

La celebre Maestà di Santa Maria dei Servi, opera di Cimabue custodita nella omonima chiesa di Bologna, (1280-128 5ca., tempera e oro su tavola) è tra le opere interessate da questo processo di imbrunimento. Per capire le cause del fenomeno un team di ricerca guidato dall’Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” (Scitec) del Consiglio nazionale delle ricerche e dall’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia e
l’Università di Anversa (Belgio), ha esaminato il capolavoro cimabuesco.

LEGGI ANCHE:  Consumo cannabis, Cnr: "Utilizzata dal 16% degli adolescenti europei".

I risultati dell’indagine , pubblicati sulla rivista ‘Journal of Analytical Atomic Spectrometry‘, hanno rivelato che
l’imbrunimento delle decorazioni “finto oro” del trono della Maestà è primariamente imputabile all’umidità e che tale fenomeno può aggravarsi se la pittura viene esposta alla luce.

Strumentazione portatile per analisi. Foto Giorgia Sciutto, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna
Strumentazione portatile per analisi. Foto Giorgia Sciutto, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

Sono stati analizzati un paio di micro-frammenti accuratamente prelevati da campiture inscurite della pala cimabuesca. L’indagine è stata effettuata sia con metodi di microspettroscopia vibrazionale in laboratorio, sia con tecniche impieganti sorgenti ai raggi X presso l’infrastruttura europea di sincrotrone ESRF (Grenoble, Francia) ed il sincrotrone nazionale tedesco PETRA III-DESY (Amburgo, Germania).

Maestà di Santa Maria dei Servi, Cimabue. Foto Giorgia Sciutto, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna
Maestà di Santa Maria dei Servi, Cimabue. Foto Giorgia Sciutto, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

“Le micro-analisi effettuate al sincrotrone – spiega Letizia Monico, ricercatrice del Cnr-Scitec e prima autrice dell’articolo – ci hanno permesso di dimostrare che l’imbrunimento è dovuto alla formazione di solfuro d’argento, un composto nero, che, per intenderci, è lo stesso materiale responsabile dell’annerimento di tanti oggetti o gioielli fatti d’argento. La trasformazione chimica, promossa dall’esposizione all’umidità o alla luce, è accompagnata dalla formazione di ulteriori composti di degrado biancastri, quali solfati ed arseniati”.

LEGGI ANCHE:  Cnr: "Il Mediterraneo è il mare più invaso al mondo".

“I risultati mostrano che l’orpimento originale (chimicamente un trisolfuro d’arsenico) per reazione con l’argento metallico si trasforma in solfuro d’argento e in ossidi d’arsenico in condizioni di elevata umidità relativa percentuale o in presenza di luce” aggiunge Aldo Romani, professore associato dell’Università degli Studi di Perugia, e co-autore del lavoro.

Si è così giunti alla conclusione che due sono i fattori su cui agire per mitigare e rallentare l’avanzamento del processo d’imbrunimento de la Maestà: esporre il dipinto a livelli di umidità relativa percentuale non superiori a circa il 30% e mantenere l’illuminazione ai valori standard previsti per i materiali pittorici sensibili alla luce.

La doratura, ricordano dal Cnr, caratterizza molti dipinti realizzati da celebri Maestri dell’arte sacra italiana del tardo Medioevo, come ad esempio Cimabue, Giotto, Duccio di Buoninsegna, Pietro Lorenzetti. L’oro, simbolo di regalità e devozione a Dio, era adoperato in foglia per impreziosire sfondi e dettagli decorativi; tuttavia, a causa dei suoi costi elevati, l’uso era in genere circoscritto alla creazione dei dettagli più preziosi, come le aureole.

LEGGI ANCHE:  Giovani: successo per la Game Jam digitale dell'Agenzia Nazionale per i Giovani.

Foto Giorgia Sciutto, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna