I ministri delle politiche giovanili dell’Ue si incontrano per fare il punto sui giovani.

I ministri con delega alle Politiche giovanili, istruzione e cultura degli Stati membri dell’UE si incontreranno a Bruxelles domani e il 24 novembre per discutere sulle prossime azioni nel campo della gioventù, a partire dalla promozione delle competenze digitali fino ad arrivare al sostegno della salute mentale.

Giovedì 23 novembre, i ministri dell’Istruzione proveranno ad adottare due raccomandazioni sulle competenze digitali e sui fattori abilitanti chiave per il successo dell’istruzione e della formazione digitale. Cercheranno inoltre di approvare conclusioni sul contributo dell’istruzione e della formazione al rafforzamento dei valori comuni europei e della cittadinanza democratica. Il dibattito politico, in particolare, dovrebbe concentrarsi sulle modalità per attrarre talenti femminili verso la scienza, la tecnologia, l’ingegneria, le arti e la matematica (STEAM).

LEGGI ANCHE:  Semestre europeo: le indicazioni della Commissione agli Stati membri.

Nel pomeriggio i ministri della Gioventù cercheranno di approvare le conclusioni sulla salute mentale dei giovani. Approvaranno, probabilmente, anche le conclusioni sul mainstreaming della gioventù, seguite da un dibattito sul ruolo dei giovani nei processi decisionali nell’Unione europea.

Nella mattinata di venerdì 24 novembre, il Consiglio si concentrerà sulle questioni legate alla cultura e all’audiovisivo , con i ministri che cercheranno di approvare conclusioni sul settore dei videogiochi, concentrandosi sulla sua dimensione culturale e creativa. I ministri si impegneranno poi in un dibattito su come migliorare le condizioni di lavoro degli artisti e degli altri professionisti della cultura nell’UE.

Più tardi nello stesso giorno, i ministri dello sport dovrebbero approvare le conclusioni sulle donne e l’uguaglianza nello sport, seguite da una discussione su un ambiente sicuro nello sport.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili, anche la XVI Legislatura non ha fatto nulla.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata