HIV/AIDS, Quartu è il primo comune della Sardegna della rete “Fast Track Cities”.

Con la conferma della propria adesione alla rete internazionale Fast Track Cities il Comune di Quartu Sant’Elena è il primo comune della Sardegna ad entrare nella partnership globale formata da città e municipalità di tutto il mondo per il contrasto alle nuove infezioni HIV e allo stigma.

Presenti alla firma ufficiale il primo cittadino Graziano Miliaa e Brunella Mocci presidente di LILA Cagliari. Nel corso dell’incontro è stato ricordato che la rete di istituzioni che aderisce al protocollo si impegna ad attivare le azioni chiave promosse dall’ONU per sconfiggere l’AIDS entro il 2030, ovvero far sì che il 95% delle persone con HIV venga a conoscenza del proprio stato sierologico e, ancora, che il 95% delle persone entri in terapia antiretrovirale.

LEGGI ANCHE:  AIDS: in progressivo calo nel 2019 le nuove diagnosi di infezione da HIV ma cresce il numero dei contagi tra i giovani.

Inoltre, il protocollo prevede l’avvio di azioni combinate di prevenzione dell’HIV con facilitazioni per un maggior accesso ai test, profilassi pre e post esposizione, attività nelle scuole ed educazione alla sessualità.