Heineken Italia, 73 milioni per lo sviluppo del birrificio di Assemini.

L’industria della birra continua a pensare al futuro nonostante la pandemia e un primo segnale forte lo ha dato oggi Heineken Italia con un programma di investimenti di oltre 73 milioni di euro in provincia di Cagliari.

L’obiettivo dell’operazione d’investimento dell’azienda – primo produttore di birra in Italia con oltre il 30% di quota di mercato e oltre 2.000 dipendenti – mira a incrementare la capacità di produzione e confezionamento dello stabilimento di Assemini (acquisito nel 1986 da Birra Ichnusa Spa), la cui capacità di confezionamento, a regime (nel 2024), aumenterà di oltre il 60% rispetto ai volumi attuali. Nel comune, ancora, verranno impiegati macchinari automatizzati di ultima generazione, conformi agli ambiti tematici del Piano Nazionale Industria 4.0, e verranno realizzati 3 nuovi magazzini per lo stivaggio dei materiali di packaging e dei prodotti finiti.

LEGGI ANCHE:  Ganau: "INVITALIA proceda urgentemente con la pubblicazione dei bandi per le aree di Sassari-Porto Torres e Porto Vesme"

Una parte importante sarà sostenuta da Invitalia, grazie al Contratto di sviluppo firmato con Heineken Italia, che stanzia circa 13,8 milioni di euro a fondo perduto, messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico.

Infine, l’investimento comporterà anche l’assunzione 25 di nuovi addetti, assicurando un concreto impatto positivo sul territorio.