Guerra in Ucraina: il Parlamento europeo sblocca i fondi di emergenza per i rifugiati.

Il Parlamento europeo ha dato il via libera – con 562 voti favorevoli, 2 contrari e 3 astensioni – alla redistribuzione dei finanziamenti regionali e di asilo ai Paesi UE che stanno ospitano le persone in fuga dall’invasione russa dell’Ucraina.

I deputati hanno adottato le misure di azione di coesione a favore dei rifugiati in Europa (CARE) tramite una procedura d’urgenza, due settimane dopo che la Commissione europea ha presentato la sua proposta.

Attraverso il fondo di coesione per i rifugiati saranno finanziate le spese per gli alloggi temporanei, cure mediche, istruzione e vitto dei rifugiati. Ai fondi già disponibili, potrebbero aggiungersi quelli della politica di coesione 2014-2020 che non sono ancora stati assegnati o spesi, e ulteriori 10 miliardi di euro da “REACT-EU”.

LEGGI ANCHE:  Parlamento europeo. No ai passaporti russi nelle regioni occupate.

A partire dal 24 febbraio, data che segna l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, I Paesi UE possono chiedere all’Unione retroattivamente l’importo investito per utilizzarlo per aiutare i rifugiati ucraini. L’UE, spiegano dal Parlamento europeo, dovrebbe essere in grado di finanziare il 100% dei fondi di coesione (invece dell’85%) spesi dai Paesi UE per un altro anno, da metà 2021 a metà 2022.

In una votazione separata, i deputati hanno esteso di un anno (fino alla metà del 2024) il periodo per utilizzare i due fondi Asilo, migrazione e integrazione e Sicurezza interna per concedere ai Paesi UE un rapido accesso alle risorse inutilizzate. Potrebbero essere liberati fino a 420 milioni di euro e investiti in alloggi, cibo, assistenza sanitaria o personale aggiuntivo.

LEGGI ANCHE:  Sicurezza stradale: 4000 morti in meno sulle strade dell'UE nel 2020. Tasso di mortalità ai minimi storici.

La proposta di Regolamento dovrà ora essere adottata formalmente dal Consiglio UE.

foto Daina Le Lardic, Copyright: © European Union 2022 – Source : EP