“Green Coach” il progetto internazionale in favore della sostenibilità ambientale nello sport.

Sport e sostenibilità ambientale rappresentano due tematiche strettamente connesse. Sia dal punto di vista dell’inquinamento prodotto dalle grandi manifestazioni sportive che da quello delle capacità dello sport di diffondere messaggi positivi in favore della tutela ambiente.  

Sulla base di tale presupposto è stato sviluppato un progetto internazionale  “Greencoach- Incorporating sustainability in the governance of sports organisations” che entra quest’anno nella sua fase operativa. 

Cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Erasmus + Sport, il progetto ha come obiettivi il favorire una gestione efficiente, dal punto di vista dell’impatto ambientale, delle società sportive e degli eventi da esse realizzate, promuovendo la sostenibilità quale elemento centrale nella gestione quotidiana delle loro attività. Analogamente il progetto intende favorire lo sviluppo di strumenti in grado di stimolare la consapevolezza delle organizzazioni sportive sull’inquinamento e sulla sostenibilità dei centri sportivi.

LEGGI ANCHE:  Il Parlamento avvia un procedimento legale contro la Commissione sul meccanismo dello Stato di diritto.

“Green Coach” mira infine a sensibilizzare sportivi e spettatori sul tema della legame tra sport e ambiente, favorendo al contempo comportamenti responsabili e consapevoli.

Tra le attività in programma vi saranno ricerche, studi, campagne pubbliche e iniziative ad hoc. Fra queste il monitoraggio dell’impatto ambientale delle attività di  cinque organizzazioni sportive allo scopo di dare vita a una buona pratica che possa essere replicata con le altre società sportive; la creazione di un marchio di qualità (il GREENTEAM Seal) che darà visibilità alle società sportive impegnate nel miglioramento del loro impatto ambientale; la creazione di uno strumento online (il GREENCOACH TOOL) per il coinvolgimento e la sensibilizzazione di organizzazioni, sportivi, giocatori, famiglie, spettatori sull’importanza dei  comportamenti sostenibili; la creazione di moduli educativi per la formazione di manager, atleti e spettatori volti a promuovere la consapevolezza sulle politiche di sostenibilità nei club e negli eventi sportivi.

LEGGI ANCHE:  Giovani rifugiati, UNHCR: "Iscritto alle scuole superiori solo il 34%".

Il progetto che, avrà una durata di 36 mese, vede la partecipazione di cinque federazioni calcistiche e organizzazioni sia pubbliche che private. Ecoserveis (Spagna) coordinatore di progetto; le federazioni calcistiche di Francia, Norvegia, Svezia, Belgio francofono, la lega dilettanti della lituania; Il network associativo con sede in Italia TDM 2000 International, l’Università di Sant’Anna di Pisa. TDM 2000 International si occuperà della creazione degli strumenti educativi e della fase di disseminazione. L’ l’Università di Sant’Anna di Pisa della fase di ricerca e di studio.